Cane chiuso in un furgone a Genova

Cane chiuso in un furgone a Genova sotto il sole caldo, salvato dai vigili del fuoco

Fuori le temperature sfioravano i 40 gradi

I vigili del fuoco hanno salvato appena in tempo un cane chiuso in un furgone a Genova, sotto il sole caldo di queste giornate bollenti. Fuori la colonnina di mercurio stava per sfiorare i 40 gradi e il povero cucciolo era rimasto chiuso nell’abitacolo che era diventato rovente. Per fortuna i pompieri, su segnalazione, lo hanno liberato.

Cane chiuso in un furgone a Genova
Fonte foto da Pixabay

I proprietari avevano lasciato il furgone al caldo in via Fiume a Genova, proprio davanti al palazzo che ospita la sede dell’Agenzia delle Entrate. Era il primo pomeriggio di lunedì 18 luglio quando è scattato l’allarme grazie ad alcuni passanti che hanno notato quel cucciolo sofferente dentro l’abitacolo rovente.

Lo avevano lasciato chiuso dentro al furgone, al caldo. La temperatura esterna sfiorava i 40 gradi, era caldissimo e all’interno dell’abitacolo le temperature si erano fatte ancora più bollenti. Il cane era sofferente a causa del caldo estremo ed è stato salvato appena in tempo.

Sul posto, dopo la segnalazione dei passanti, sono arrivati i vigili del fuoco, gli agenti di polizia locale e l’ambulanza veterinaria. I pompieri hanno rotto un finestrino per poter liberare il cane da quella trappola infernale. Dentro le temperature erano insostenibili.

Il cane era visibilmente sofferente per le alte temperature, probabilmente ha avuto un colpo di calore ed era disidratato. I medici veterinari lo hanno soccorso e lo hanno trasferito presso una clinica nel centro cittadino dove si trova ricoverato.

cane in auto
Fonte foto da Pixabay

Cane chiuso in un furgone a Genova, i vigili del fuoco intervengono appena in tempo

I vigili del fuoco sono intervenuti appena in tempo per liberare il cane da quella trappola infernale. Ora i proprietari dovranno rispondere di accuse pesanti, perché equivale a maltrattamento di animali.

Gli animali domestici non devono mai per nessuna ragione al mondo essere lasciati nelle auto parcheggiate sotto il sole. Rischiano di morire, in un modo terribilmente atroce.