La zampa del cane

Cane ferma un ladro che aveva minacciato con un coltello degli operai

Davvero un cane eroico

I cagnolini sono davvero i migliori amici degli esseri umani, anche quando non li conoscono per niente. Farebbero di tutto per farci stare al sicuro, come il protagonista di questa storia, un cane che ferma un ladro che prima aveva derubato alcune auto parcheggiate. E poi aveva minacciato con un coltello degli operai.

Donna accoltellata dal marito

Questa storia ci arriva da un cantiere che si trova a Trespiano, una frazione del comune italiano di Firenze, in Toscana. Un uomo armato di coltello aveva aggredito degli operai, dopo che aveva svaligiato alcune auto parcheggiate lungo la strada che appartenevano proprio ai muratori e ai tecnici al lavoro.

I derubati hanno ovviamente reagito e hanno inseguito l’uomo che si era dato alla fuga in una boscaglia. Qui, però, è stato raggiunto da un cane, che appartiene al proprietario della zona dove è stato aperto il cantiere per una serie di lavori edili.

L’animale si è messo all’inseguimento dell’uomo, andando dietro agli operai che avevano appena subito un furto. Grazie al cane, che si è avventato contro l’uomo di 50 anni, di origini georgiane e irregolare in Italia, la polizia ha potuto arrestare il malfattore.

Gli agenti, chiamati dal cantiere per l’inseguimento in corso, hanno presto raggiunto il luogo dove il ladro stava cercando di scappare. Uomo che aveva anche tirato fuori un coltello, puntandolo contro gli operai e il proprietario dell’area di 35 anni, dove si svolgevano i lavori edili.

Agente di polizia

Cane ferma un ladro, che tira anche fuori un coltello per minacciare gli operai

L’uomo di 50 anni di origini georgiane ora deve rispondere all’accusa di tentata rapina e di furto, aggressione e anche violazione delle norme sull’immigrazione. Il cane ha contribuito a tenerlo fermo mentre operai e proprietario della zona lo hanno raggiunto, insieme poi agli agenti di polizia.

Mano dell'uomo e zampa del cane
Fonte foto da Pixabay

La vicenda è stata ricostruita dagli agenti della Squadra Volante della questura. L’uomo aveva già rubato 300 euro in contanti e un portafoglio. Ora è nel carcere di Sollicciano.