Cane investito sulla Tiburtina

Cane investito sulla Tiburtina da un pirata della strada; i soccorritori hanno provato a ricuperarlo ma lui era impaurito; ecco come è finita la vicenda.

Home > Animali > Cane investito sulla Tiburtina

Un cane è stato investito sulla Tiburtina da una macchina pirata che non si è fermato per soccorrerlo. Il gesto dell’autista della macchina, una Panda di colore grigio moda, aveva praticamente condannato il cane alla morte. Un animale in quelle condizioni non sarebbe sopravvissuto a lungo da solo. Il più, rischiava di finire di nuovo sulla carreggiata e provocare un incidente.

Ma cercheremo di raccontarvi per gradi, l’intera vicenda. Il protagonista del nostro racconto è un cane, probabilmente randagio, che ha visto la morte in faccia. L’animale sarebbe probabilmente morto se alcuni ragazzi non si fossero fermati per soccorrerlo.

cane-tiburtina

Siamo d’accordo tutti nel dire che chi investe un animale e scappa senza soccorrerlo è un emerito str0nzo (e siamo troppo buoni ed educati a chiamarlo così). Un incidente può accadere a chiunque, purtroppo: gli animali vaganti sono molti e gran parte di questi finiscono sotto le ruote delle macchine. Ma non fermarsi per soccorrerli è da bestie.

hotel-olimpia

Nella sera del 8 maggio, sulla Tiburtinaall’altezza del cavalcavia nei pressi dell’Hotel Olimpia di Avezzano, due ragazzi di passaggio hanno visto un cane che è stato investito da una macchina. Uno di loro, Alessio Pappalardo di Tagliacozzo, ha raccontato:

“Ci siamo accorti che una Panda di fronte a noi l’aveva investito e così ci siamo rigirati un po’ più avanti e abbiamo fatto marcia indietro per andare in soccorso dell’animale che, nel mentre, si era rifugiato dietro il guardrail. Aveva anche uno spago intorno al collo perché, probabilmente, era stato abbandonato e legato da quelle parti. Dopo averlo visto con le luci delle macchine ci è sembrato avesse solo una zampa rotta. La Panda che lo ha investito è di colore grigio moda, per rendere l’idea simile a quello della guardia di finanza”.

Alessio-Pappalardo

Il cane è stato ricuperato e, una volta curato, sarà adottabile. Ovviamente, non ha microchip ed è stato sicuramente abbandonato.