Cane randagio compare al loro matrimonio

Cane randagio compare al loro matrimonio e sposi decidono di adottarlo

Hanno subito allargato la famiglia

Quando il destino ci mette una zampa non puoi dirgli di no. Lo sanno bene questi due sposi che decidono di adottare il cane randagio che compare al matrimonio all’improvviso. Quel cucciolo è sbucato fuori dal nulla, correndo subito loro incontro e mostrandosi a suo agio in loro compagnia. E così hanno deciso di allargare la famiglia.

Cane randagio compare al loro matrimonio

La coppia era in chiesa in procinto di pronunciare il fatidico sì. Douglas Robert e Tamíris Muzini, due giovani sposi brasiliani, improvvisamente hanno trovato un ospite imbucato alla loro cerimonia. E non hanno potuto mandarlo via. Anzi, lo hanno accolto nelle loro vite.

Quando la sposa è entrata in chiesa per raggiungere il suo sposo all’altare ha notato la presenza del cane all’interno dell’edificio religioso, come ha raccontato lei stessa a The Dodo:

Ero sorpresa. Ho pensato: “Guarda, c’è un cane dentro la chiesa”. Il mio cuore si è sciolto.

Il cane ha atteso per tutta la cerimonia educatamente alla porta della chiesa, mentre dentro gli sposi si scambiavano i voti nuziali. Quando la coppia si è avviata verso l’uscita, il cane di strada si è avvicinata e li ha salutati, facendo a suo modo gli auguri ai novelli sposi:

Quando alla fine ci ha salutato in quella maniera è stato come se ci stesse dicendo: “Portami a casa. Portami con te.

cane randagio

Cane randagio compare al loro matrimonio e viene adottato dagli sposi

Ovviamente la coppia ha accolto l’appello del cane randagio e lo ha immediatamente adottaù

to quel giorno stesso. Lo hanno chiamato Braiá Caramelo e dal loro matrimonio vive nella sua nuova famiglia, che lo ha accolto come segno del destino. La famiglia si è subito allargata.

Douglas Robert e Tamíris Muzini

È molto affettuoso. Nonostante tutto quello che ha passato, crede ancora nella bontà delle persone. Ci dà speranza. È molto contento, molto energico e pieno di vita. È lui che ci ha adottato.