Cane salva donna dal molestatore e prende una pugnalata

Un cane in India ha salvato una donna da un molestatore, che poi lo ha accoltellato.

Home > Animali > Cane salva donna dal molestatore e prende una pugnalata

In India un cane randagio ha salvato una donna di 29 anni dalle molestie di un suo vicino di casa che aveva fatto irruzione nell’abitazione e aveva tentato di aggredirla sessualmente. L’incidente è avvenuto una domenica pomeriggio, nella zona residenziale di Chhola, nella capitale dello stato del Madhya Pradesh. La donna in quel momento era da sola in casa.

Il cane randagio era conosciuto nel quartiere. Gli abitanti lo avevano ribattezzato Sheru e gli davano regolarmente da mangiare. Quel giorno Sheru si trovava all’interno dell’abitazione della donna, quando all’improvviso alle 3 del pomeriggio il campanello di casa ha suonato, svegliando il cane dal suo sonno. L’animale si è subito accorto che qualcosa non andava mentre l’uomo cercava di molestare la donna.

sheru

Sheru ha subito attaccato l’uomo ed è riuscito a mandarlo via. Ma durante lo scontro ha subito gravi ferite. Nella sua denuncia alla polizia di Chhola, la donna ha affermato che l’uomo era un suo vicino di casa. È senza lavoro ed è famoso in zona perché crea sempre problemi. La donna ha anche raccontato ai funzionari di polizia che Sunil, questo il nome dell’aggressore, ha pugnalato Sheru mentre il cane stava cercando di proteggerla. E infatti Sheru ha perso molto sangue.

donna-india

La denuncia della donna indiana è stata regolarmente registrata nella centrale di polizia. Dell’aggressore, però, si sono perse le tracce. Dopo aver aggredito la donna ed essere stato messo in fuga dal cane, l’uomo è scappato e al momento risulta irreperibile. Il cane, invece, è stato prontamente visitato da un medico veterinario.

donna

Se non ci fosse stato lui in casa quel giorno, probabilmente le cose sarebbero andate diversamente.

aggressione

Sheru è un piccolo grande eroe, che non si è preoccupato del pericolo al quale stava andando incontro pur di difendere una donna che lo aveva sempre accolto a casa sua.