La triste fine del cane Simba

Il cane Simba perde la vita, prigioniero di una trappola per volpi: ecco la sua triste fine.

Home > Animali > La triste fine del cane Simba

Il cane Simba, un meticcio di 7 anni, aveva una bella vita, una meravigliosa famiglia che lo amava e tutto quello che un cane potrebbe desiderare. Il suo papà umano, Ivan, lo portava spesso a passeggiare nei dintorni di Isola Vicentina. Erano insieme anche lo scorso sabato pomeriggio, quando si è consumato il primo atto del dramma che ha colpito questa bella famiglia.

Ivan portava spesso Simba sui colli fra Isola Vicentina e Castelnovo dove poteva lasciarlo libero a correre, senza la paura di essere investito dalle macchine. Sabato pomeriggio, però, Simba si è allontanato troppo. Ivan lo ha chiamato ma il cane è letteralmente sparito. Sono scattate le ricerche nei dintorni, senza alcun esito. Il giorno dopo Cristian, il fratello di Moira Penzo, la sua mamma umana, ha postato un appello sulla pagina Facebook “Sei di Isola Vicentina se…”:

“Ciao, sto cercando questo cagnolino, si è perso sabato pomeriggio in via Lombarda, chi avesse notizie mi contatti x favore (è di mia sorella)… grazie.”

Simba

Tutti hanno condiviso il post ma dopo un po’ i post è stato aggiornato. Cristian ha scritto:

“È STATO TROVATO, GRAZIE A TUTTI”

Tutti hanno sperato in un lieto fine ma così non è stato. Simba è stato trovato ma senza vita. Il povero cucciolo ha avuto una fine terribile: è rimasto intrappolato per 3 giorni in una gabbia per volpi e si è spento da solo, senza acqua e cibo e al freddo.

vista-colli-isola-vicentina

La trappola era stata messa da un uomo di 67 anni sul suo terreno situato nei dintorni di Isola Vicentina che si è giustificato dicendo di aver usato la trappola per sbarazzarsi delle volpi che spesso assalgono il suo pollaio. Ma l’uso delle gabbie trappola è severamente disciplinato dalla legge proprio per evitare drammi come quella che è appena accaduta. Bisogna avere l’autorizzazione per usarle e chi le arma è obbligato per legge di verificarle almeno una volta al giorno. Usare una trappola gabbia senza l’autorizzazione è un reato penale.

gabbia-trappola

La famiglia di Simba ha presentato una denuncia ai carabinieri forestali che hanno interrogato e denunciato in stato di libertà per uso illecito di trappole, il sessantasettenne.

mappa-isola-vicentina

Ecco il commovente messaggio di addio di Moira dedicato a Simba:

“Caro AMICO SIMBA, ti ho aspettato e speravo ancora nel tuo ritorno a casa, la tua, la nostra… e anche se ti ho visto, trovato senza Vita dovuto a inutili sofferenze causate da freddo, sete, fame provocate da un incivile persona che lascia nel proprio terreno trappole per animali incustodite, TU… che quel sabato pomeriggio eri andato, come sempre facevi, a trascorrere un sereno e piacevole pomeriggio con il tuo papà Ivan sul monte dove eri libero di correre su e giù per i prati, non sei più tornato… ti ho cercato, cercato per giorni e niente… poverino qualcuno ha pensato di bloccare la tua e la nostra felicità.Ti voglio ricordare come un Amico fedelissimo, sempre pronto a dare e ricever coccole, un figlio, un fratello, un compagno di viaggio meraviglioso e sincero per sette anni, un Dono…. sei e sarai per sempre nei nostri cuori. TI AMO PER SEMPRE E GRAZIE AMICO MIO. Veglia su di noi e proteggici. Aspetto una giustizia divina per te e la tua brevissima VITA. ADDIO.”