Captain, il cane che dorme solo dentro un scatolone

Home > Animali > Captain, il cane che dorme solo dentro un scatolone

Una delle cose più gratificanti della vita, è adottare un cane bisognoso e sapere di averlo salvato da un destino crudele. Si instaura con lui un rapporto meraviglioso, vero, di fiducia e di rispetto reciproco. Cerchiamo sempre di ispirare la gente a d adottare dai canili, perché quei cani si trascinano storie che nemmeno riusciamo ad immaginare…

Non sono nati per strada, purtroppo la maggior parte di loro sono stati abbandonati, trascurati e addirittura maltrattati fisicamente. Ecco perché inizialmente sembrano diffidenti agli essere umani, ma vi assicuriamo che l’amore che hanno da dare, è immenso. Oggi vogliamo raccontarvi di una storia che ha divulgato Kristina Rinaldi, direttore esecutivo del Detroit Dog Rescue. Il protagonista è un mix pitbull si nome Captain. Ecco cosa ha scritto la donna: “le persone che vengono qui ad adottare un cane, spesso ci dicono che noi non possiamo cambiare il loro passato. Hanno ragione, non possiamo. Non possiamo cambiare il fatto che siano stati abusati, abbandonati, picchiati. Non possiamo cambiare il fatto di averli trovati in fin di vita. Non possiamo cambiare le notti in cui sono stati lasciati sotto la pioggia, quelle in cui hanno dovuto dormire sul cemento freddo e probabilmente nemmeno loro lo dimenticheranno mai. Questo nella foto è Captai, lui è stato trovato per le strade di Detroit.  Ogni notte, tutto ciò che vuole prima di andare a letto, è una scatola di cartone. Questa scatola di cartone, è l’unico modo in cui dormirà, perché è l’unico modo in cui ha dormito per sentirsi al sicuro. Non sappiamo nulla del suo passato, sappiamo solo che ha 2 anni. 

Ma una cosa è certa, noi faremo di tutto per cambiare la sua vita. Se vorrà continuare a dormire nella sua scatola, gli sarà permesso. 

Il suo cuore è ferito ma è piano d’amore e ci ha già avvolti tutti! 

Ricordatevi che il passato non si cambia e forse non si dimentica, ma il futuro, si può scrivere!”