Charlie il bulldog francese

Charlie è nato in una famiglia… la sua mamma era una cagnolina di razza e anche il suo papà. Lui e i suoi fratelli sono stati venduti a diverse famiglie. Quando un cane viene venduto non conta la persona che lo compra… quello che conta sono i soldi. Ha pagato? Bene… poco importa che fine farà…

E la famiglia che ha acquistato Charlie probabilmente immaginava di comprare un giocattolo… quando si sono stufati di lui hanno cominciato ad ignorarlo, bittato nel cotile di casa. Charlie si è ammalato… i bulldog francesi sono cani molto delicati… e lui, piccolo e solo, ha avuto la sfortuna di prendere la rogna demodetica… una malattia curabile ma che cambia l’aspetto dell’animale.

La sua pelle era piena di squame e di ferite e la sua famiglia ha deciso di sbarazzarsene di lui. Ma, visto che erano persone con “un grande cuore”, non l’hanno abbandonato in strada!

L’hanno portato e l’hanno abbandonato durante la notte, al freddo, in una scatola, davanti alla porta di una clinica veterinaria.

Sono sicura che quelle persone adesso pensano di essere state buone con lui, visto che non l’hanno buttato in strada, si sentiranno a posto con la loro coscienza…

Il piccolo Charlie è stato trovato dal personale della clinica… Era spaventato e triste… i suoi occhioni grandi chiedevano aiuto. E i veterinari della clinica “Spay Neuter Project L.A.“ di Los Angeles, California, hanno deciso di aiutarlo.

Adesso Charlie sta guarendo e appena starà meglio sarà pronto per essere adottato. Ulteriori informazioni si possono avere sulla pagina Facebook della clinica Spay Neuter Project L.A.

Leopardo si camuffa perfettamente nella foto e in pochi riescono a trovarlo

È morto Lucky, il cane trovato in un cassonetto a Terricciola

Volontari trovano i cani nei corridori e decidono di indagare: il video di Red

Una seconda opportunità per Cosmos

Cane abbandonato in strada chiede aiuto al finestrino

Ollie, il cucciolo che ha resistito al sonno di notte a causa del suo passato traumatico

Sardegna, sotto accusa 2 persone per aver simulato un incidente con un cinghiale appena scongelato