Cloud era costretto a vivere legato ad una catena senza nessuno che si curava di lui

Home > Animali > Cloud era costretto a vivere legato ad una catena senza nessuno che si curava di lui

“Mi chiamo Eleanor Garret e sono co-presidente della Senior Dog Haven. Qualche mese fa, mi ha contattato una volontaria di Hillside SPCA, perché in Pennsylvania era crollato il tetto di una casa e li fuori avevano trovato un husky legato ad una catena. Era lì da nove lunghi anni.

In quel paese è illegale tenere un cane legato fuori per più di nove ore al giorno. Inoltre, fuori era molto freddo, si gelava ed era costretto a vivere sopra la neve e sopra le sue feci. Per lui, avevano creato un piccolo rifugio, dietro una macchina vecchia, ma non era proprio il luogo adatto. Si chiamava Cloud e la cosa peggiore, era che i volontari avevano scoperto che era da tutta la sua vita. Tutti erano rimasti scioccati dalle sue condizioni, era malnutrito, la sua pelliccia era completamente rovinata. In più, aveva una strana massa sulla schiena che dopo la visita, hanno scoperto essere un tumore. Ma il veterinario, a causa dell’età e delle sue gravi condizioni, si è rifiutato di operarlo. Per questo mi hanno chiamato, perché volevano che provassi a fargli fare amicizia con gli umani, perché visto quello che aveva vissuto, non si fidava più. Senza rifletterci, ho accettato e il giorno dopo sono andato a prenderlo e l’ho portato a casa con me. Nel giro di una settimana non c’è stato nessun miglioramento. Anzi si metteva solo e nascosto dietro la mia lavatrice. Non voleva avere contatti. Fino a quando, un giorno, mentre ero in lavanderia, ho sentito il suo piede sul mio. Ho guardato in basso ed ho visto che mi stava colpendo come per chiedermi di sedermi e accarezzarlo. Così l’ho fatto. Mentre ero vicino a lui, mi leccava, come se avesse capito che io ero sua amica e che non volevo fargli del male.

Da quel giorno, si è rilassato ed è cambiato tutto. Non sapeva bene come comportarsi in una casa, ma credo che i miei sei cani l’abbiano aiutato tantissimo. Il problema è che la mia casa era solo temporanea.

Così poco dopo, che Cloud aveva preso confidenza, abbiamo iniziato a fare tutti gli annunci per farlo adottare. Una coppia è venuta subito per conoscerlo. Così, quando l’uomo si è seduto vicino a lui, il cucciolo gli ha leccato la faccia e il ragazzo ha capito subito che voleva portarlo a casa con se.

Questa volta, però, i ragazzi ci hanno detto che si è adattato subito e non ha perso nemmeno un minuto per mettersi a suo agio. Ora Cloud ha una nuova casa e non si chiama più così, ma Titus e i suoi amici umani sono follemente innamorati di lui.”

Condividete questo salvataggio bellissimo.