Coppia compra un gattino malato allo zoo e ora si ritrova con un puma di 40 chili

Una coppia decise di salvare un gatto malato dello zoo. Oggi è un puma che pesa ben 40 chili!

Home > Animali > Coppia compra un gattino malato allo zoo e ora si ritrova con un puma di 40 chili

Mariya e Alexander Dmitriev un giorno hanno deciso di allargare la loro famiglia. Una scelta importante, anche perché avevano deciso di adottare un povero gattino malato che viveva in uno zoo. Peccato che non era in realtà un gatto. Ma un puma, che crescendo era arrivato a pesare 40 chili.

La coppia si era innamorata di quel gattino malato mentre erano in visita in uno zoo locale. Se ne sono innamorati a prima vista e così hanno deciso di chiedere se potevano comprarlo e portarlo a casa. Sono rimasti sorpresi quando i proprietari hanno detto di sì.

Oggi il gatto ha due anni e mezzo. E non è affatto un gatto. Ma un puma. Loro non si sono scoraggiati, anche perché lo amano alla follia.

Per poterlo portare a passeggio per le strade di Penza, in Russia, hanno comprato un’imbracatura speciale.

Si chiama Messi, come il famoso calciatore. Il nome gli è stato dato nello zoo di Saransk dove è nato. Faceva parte di una cucciolata di tre cuccioli di puma, ribattezzati come calciatori famosi.

“Abbiamo riflettuto per tre giorni se fosse possibile mantenere un puma, se fosse morale farlo e se avesse senso”. Ma ormai Messi faceva parte della famiglia.

Il proprietario 38enne ha sempre voluto avere un grosso gatto. Ed è stato così tanto. Anche se ha sempre pensato più a una lince e mai si sarebbe aspettato di convivere con un puma.

A causa dei suoi problemi di salute pesa “solo” 40 chili, ma è 10 volte più grande comunque di un gatto medio.

“Ovviamente è abbastanza pericoloso avere un gatto così grande a casa, ma Messi è un animale speciale. Tutti quelli che lo conoscono pensano sia un umano nella pelle di un puma. È molto loquace e risponde sempre quando gli parliamo. A volte è d’accordo con quello che diciamo, ma a volte no. Lui è un animale incredibile”.