Coppia salva opossum che rischia di annegare

Una coppia si stava godendo una bella giornata in barca quando si è trasformata in qualcos'altro: hanno salvato un opossum che rischiava di annegare

Home > Animali > Coppia salva opossum che rischia di annegare

Char Morse e il marito decisero di trascorrere una tranquilla e piacevole giornata sul lago Michigan: alle prime luci dell’alba erano usciti fuori per un giro in barca. La giornata era perfetta. Mai si sarebbero aspettati di diventare eroi salvando un opossum che stava per annegare nelle acque del lago.

Poco dopo l’alba, mentre la coppia si godeva la tranquillità alle primi luci del sole, il marito di Char Morse notò in lontananza qualcosa in acqua. Decisero di avvicinarsi per capire di che cosa si trattasse.

“Ha pensato che potesse essere della spazzatura: di solito raccogliamo l’immondizia quando la vediamo in acqua”.

Ma alla fine si trovarono di fronte a qualcosa che non si aspettavano di vedere: era un povero animaletto in difficoltà.

L’opossum non riusciva più a stare in acqua, sembrava proprio che stesse per affogare. E così marito e moglie hanno deciso di non perdere tempo e di intervenire per salvarlo.

“Sapevamo entrambi che l’animale avrebbe potuto morire nell’acqua. Senza nemmeno parlare, abbiamo fatto di tutto per aiutarlo. Mio marito ha avvicinato la barca al muro del canale, ha legato una corda a uno dei nostri cuscini galleggianti rossi e l’ha lanciato all’animale”.

opossum

L’opossum aveva capito che quella coppia di umani stava cercando di dargli una mano e così afferrò il piccolo salvagente che gli avevano appena lanciato. Così la coppia poté agilmente tirare l’animale in difficoltà a bordo sulla barca. Era sano e salvo, anche se infreddolito e spaventato, ovviamente. Non appena furono a riva liberarono l’animale.

“Non appena lo abbiamo messo a terra, si è rapidamente spostato nei boschi e nell’erba alta. Siamo fiduciosi che sia sopravvissuto”.

Ma se loro non fossero intervenuti, con tutta probabilità l’opossum sarebbe morto affogato in quel lago. Chissà come c’era finito. Loro non si sentono però degli eroi:

“Ci è capitato di essere nel posto giusto al momento giusto per aiutare. So che ci sono altre brave persone nella zona che farebbero lo stesso”.