Coronavirus Argentina: un comune distribuisce cibo ai cani randagi

ARGENTINA: ecco cosa sta facendo un comune per i cani randagi

L’emergenza sanitaria Coronavirus continua a diffondersi in tutto il mondo. Le strade delle città sono deserte e la gente, per prevenire la diffusione del virus, si è chiusa in casa, in quarantena. Molte attività e molte aziende hanno dovuto chiudere i propri esercizi, per il bene delle comunità.

La vicenda di oggi è accaduta in Argentina, precisamente a Cordoba. Si tratta di un’iniziativa, meravigliosa, che che si è presto diffusa sui social network, arrivando in ogni parte del mondo. Le persone si trovano in quarantena, le strade sono deserte, i cani randagi sono ancora più soli e più in difficoltà a trovare da mangiare e da bere.

Ecco perché le autorità di Villa Carlos Paz hanno deciso di aiutare i randagi del posto. Come si vede dalle immagini diffuse, hanno deciso di distribuire il cibo per strada, all’interno di recipienti blu.

I soggetti nelle foto sono veterinari e personale delle zoonosi, che in un momento come questo, hanno deciso di non dimenticare quei poveri esseri indifesi, costretti a stare per la strada.

Oltre a voler diffondere un’iniziativa che dovrebbe essere imitata in ogni parte del mondo, le autorità hanno voluto chiedere agli abitanti di non toccare assolutamente i bidoni blu che vedono per le strade

È un’idea meravigliosa, un’idea che è stata condivisa da milioni di persone, che si augurano davvero che chi di competenza possa guardarla e proporre di fare lo stesso nella propria città.

La vita dei cani randagi è già difficile. Ogni giorno lottano per cercare la minima quantità di cibo, per arrivare al giorno successivo. Pensate come sia ancora più difficile farlo adesso, che le strade sono deserte e il mondo si è fermato. Poi c’è da dire che l’ignoranza nel mondo è molta e c’è ancora chi è convinto che un cane possa prendere il virus e possa trasmetterlo e quindi crede che stare alla larga dagli animali sia la cosa migliore.

Noi vogliamo continuare a ripetere che il Ministero della Salute, l’Istituto Superiore della Sanità e anche L’Organizzazione Mondiale della Sanità, hanno più volte ribadito che non ci sono prove che il cane possa prendere il virus né tantomeno che possa trasmetterlo all’uomo.

Se il tuo cane ti lecca i piedi, ti sta mandando dei segnali

Se il tuo cane ti lecca i piedi, ti sta mandando dei segnali

Il gatto sale o scende le scale? Scopri come affronti i problemi

Il gatto sale o scende le scale? Scopri come affronti i problemi

Dopo la morte del suo proprietario, lo hanno caricato sul loro mezzo e lo hanno trascinato al rifugio. I volontari non potevano accettare un cane di proprietà, così hanno deciso di compiere un gesto ancora più meschino

Dopo la morte del suo proprietario, lo hanno caricato sul loro mezzo e lo hanno trascinato al rifugio. I volontari non potevano accettare un cane di proprietà, così hanno deciso di compiere un gesto ancora più meschino

Vi ricordate di quel gatto randagio che si presentò a casa di un fotografo in gravissime condizioni? Eccolo quattro anni dopo

Vi ricordate di quel gatto randagio che si presentò a casa di un fotografo in gravissime condizioni? Eccolo quattro anni dopo

Pacho è stato adottato e poi rispedito in canile dopo 3 giorni, perché un assurdo particolare non rispecchiava quanto detto: "Ora si rifiuta di mangiare"

Pacho è stato adottato e poi rispedito in canile dopo 3 giorni, perché un assurdo particolare non rispecchiava quanto detto: "Ora si rifiuta di mangiare"

Poliziotto adotta il cane che aveva appena salvato

Poliziotto adotta il cane che aveva appena salvato

Cani e diabete. 8 sintomi che possono salvare il vostro cucciolo

Cani e diabete. 8 sintomi che possono salvare il vostro cucciolo