Cucciolo abbandonato legato al cancello di un rifugio in Salento

Cucciolo abbandonato legato al cancello di un rifugio in Salento

Come si fa a compiere gesti del genere?

Ennesima storia di abbandono estivo. Un cucciolo è stato abbandonato legato al cancello di un rifugio in Salento, in Puglia. Per fortuna i volontari della struttura lo hanno prontamente individuato e aiutato. Ora il criminale, perché di crimine e di reato stiamo parlando, rischia davvero grosso.

zampa del cane
Fonte foto da Pixabay

Alla periferia di Tricase, comune in provincia di Lecce, in Puglia, un uomo di 71 anni ha lasciato un cucciolo legato proprio di fronte al cancello di un rifugio per animali. Le operatrici del centro lo hanno individuato immediatamente attraverso le videocamere di sorveglianza installate fuori dalla struttura.

Subito le operatrici del rifugio di Tricase sono uscite fuori per aiutare il cucciolo in difficoltà, ma anche per inseguire l’uomo che di fatto aveva appena compiuto un reato. Secondo l’articolo 727 del codice penale l’abbandono di animali prevede pene fino all’arresto di un anno.

Tutto è avvenuto nella mattinata del 29 giugno 2022. Gli agenti delle Guardie Zoofile sono intervenute grazie alla segnalazione delle operatrici del canile Nuova Lara che si trova a Tricase, sulla provinciale 184.

Quando le Guardie Zoofile hanno raggiunto la struttura, le sanitarie avevano fermato l’uomo, colto in flagrante. Insospettite dai rumori che provenivano dall’esterno, hanno visto sui monitor l’uomo che legava il cagnolino con una cantenella di fronte a ll’ingresso del centro.

Cucciolo abbandonato legato al cancello di un rifugio in Salento

Cucciolo abbandonato legato al cancello di un rifugio in Salento

Mentre le operatrici chiamavano i Carabinieri, passava di lì una guardia zoofila che è intervenuta. L’uomo è stato subito identificato e ha confessato di averlo abbandonato lì perché i nipoti non c’erano più e lui non sapeva come fare.

Ora i volontari dell’associazione Nuova Lara di Tricase si prenderanno cura del cucciolo. Mentre l’uomo rischia un’ammenda salatissima e una denuncia penale. Il cucciolo ora è in buone mani. E attende una famiglia per sempre che possa prendersi cura di lui nel migliore dei modi possibile.