Cucciolo maltrattato trovato con ossa rotte e museruola a Hancock Park

Un povero cagnolino maltrattato e abusato, è stato trovato in un parco con le ossa rotte.

Home > Animali > Cucciolo maltrattato trovato con ossa rotte e museruola a Hancock Park

Un cucciolo di pit bull di 10-12 settimane di nome Pablo è stato trovato in condizioni disperate. L’11 dicembre scorso è stato scoperto tutto solo a Los Angeles, all’Hancock Park. A trovarlo un cane di nome Roxy che passeggiava insieme alla sua famiglia. Il cucciolo era dentro uno zaino, con il muso tappato da una museruola. Chissà quanti abusi e maltrattamenti deve aver subito nelle prime settimane di vita. Le sue ossa erano infatti rotte.

La famiglia che ha trovato il cane in quelle condizioni non si è girata dall’altra parte. Ma è intervenuta. Ha preso Pablo e l’ha subito portato al Veterinary Care Center che si trova a Los Angeles. Il personale medico del centro veterinario lo hanno subito visitato, scoprendo fratture alle costole, alla mascella e alla spalla. Era in condizioni davvero disperate. Aveva subito bisogno di un intervento di chirurgia ortopedica per tentare di salvare il salvabile. Per fortuna l’associazione Hope for Paws è immediatamente intervenuta, coprendo alcune delle spese mediche.

cucciolo-maltrattato-trovato-con-ossa-rotte-e-museruola-a-hancock-park

Non sapresti dire cosa ci sia di sbagliato in lui: è il cucciolo più adorabile e giocherellone che ci sia. Ama andare in giro, nonostante la grossa stecca sistemata dopo gli interventi non sta fermo un attimo. Dimostra amore e affetto a tutti quelli che si avvicinano a lui“, ha raccontato la dottoressa Lisa Youn.

Pablo

Per fortunata ora Pablo si sta riprendendo, dopo aver subito tutta una serie di interventi chirurgici per cercare di aggiustare quelle ossa rotte. Se le ferite fisiche si possono più facilmente rimarginare, non altrettanto facile è far guarire le ferite dell’anima, quei traumi subiti durante settimane di abusi e maltrattamenti.

cucciolo

È stata attivata anche una raccolta fondi online, sulla piattaforma GoFundMe, per poter pagare le ulteriori spese che saranno necessarie per il suo totale recupero. Già molte persone di buon cuore si sono offerte di dare a Pablo una seconda possibilità.