Cucciolo regalato a Natale

Il cucciolo regalato a Natale è stato abbandonato poco dopo. Ecco la storia di Guerriero, il regalo di Natale indesiderato di Ventimiglia.

Home > Animali > Cucciolo regalato a Natale

Questa è la storia di un cucciolo regalato a Natale. Il suo nome era Guerriero e voleva vivere. Ha lottato con tutte le sue forze ma, alla fine, ha dovuto arrendersi. Noi abbiamo deciso di raccontarvi la sua storia perché le persone devono capire che gli animali non sono oggetti e che devono essere rispettati e amati.

Noi non ci stancheremo mai di ripetere: gli animali non devono essere considerati giocatoli e regalati a Natale per la gioia dei bambini. Un animale non è solo una tenera pala di pelo da mettere sotto l’albero… fanno i loro bisogni, hanno delle esigenze, hanno la necessità di mangiare e di bere e devono essere vaccinati e curati quando si ammalano. Hanno bisogno di giocare, di uscire e di essere amati e, non sempre, quando arrivano in una famiglia come regali di Natale sono voluti.

cane-abbandonato

La storia che vi vogliamo raccontare adesso parla proprio di un cucciolo indesiderato, regalato a Natale. L’hanno chiamato Guerriero, perché aveva una grande voglia di vivere. Lui era, probabilmente, un regalo di Natale. Quando lo hanno trovato i volontari di Ventimiglia, il cucciolo aveva ancora il fiocco rosso al collo. Ma quello che avrebbe potuto essere un sogno è diventato ben presto un incubo. Un netturbino l’ha trovato tra i rifiuti dell’isola ecologica di Bevera (Ventimiglia). Guerriero è stato subito portato nel canile di Peglia. Era in gravissime condizioni: aveva la gastroenterite e i veterinari, coordinati dal dott. Diego Ferrari, hanno provato a curarlo.

Guerriero

Purtroppo, nonostante le cure e la sua giovane età, Guerriero non ce l’ha fatta: è morto tra le braccia dei veterinari.

cucciolo-ventimiglia

la morte di Guerriero, però, non deve essere in vano… dobbiamo usare la sua storia per smuovere le coscienze. Se, da una parte, vogliamo invitare tutti ad adottare i cani dei canili o quelli raccolte dalle volontarie sulle strade, dall’altra vogliamo invitare tutti ad adottare consapevolmente.

R.I.P. Guerriero!