Dalle stalle alle stelle: la favola di Guy, il beagle della principessa Meghan

L’abbiamo conosciuta dopo che il suo fidanzato di allora, il principe Harry, decise di presentarla come la donna prescelta per diventare regina del suo cuore. Si chiama Meghan Markle ed è la donna che ha sposato Harry mentre tutto il mondo si era fermato a guardare le nozze reali.


Di lei si sa molto: che è americana, che ha una mamma di colore, che fa l’attrice e che ha un buon cuore… questo, ormai, è una cosa evidente, viste le numerose cause umanitarie che ha abbracciato. Si sa anche che ha due cani: uno, molto anziano che è stata costretta a lasciare a Toronto con una coppi di amici, in seguito al consiglio del veterinario che le ha detto che un viaggio oltreoceano potrebbe ucciderlo… è l’altro, Guy, un bellissimo beagle che ha portato con lei in Inghilterra. E il segreto di Meghan riguarda proprio Guy. Chi lo vede questo dolcissimo beagle pensa subito a un cane di razza, magari comprato in un allevamento… ma le cose non stanno proprio così: Guy proviene da un canile… e non uno qualsiasi: uno high kill. Questo significa che il cane era finito in uno di quei posti in cui gli animali che non trovano una casa, vengono periodicamente soppressi. Ovviamente, la vita di Guy era a rischio ma il cucciolo ha avuto la fortuna di incontrare Meghan. “È una vera favola”, ha dichiarato Alison Preiss di Pet Valu, il negozio di animali dell’Ontario in cui Guy è stato adottato da Markle nel 2015. “C’era questo cane che era in un rifugio, nessuno lo voleva e grazie a questa meravigliosa adozione ora vive in un palazzo, correndo e giocando con la famiglia reale”.

L’improbabile viaggio di Guy è iniziato dopo che un rifugio negli Stati Uniti ha inviato una e-mail a Dolores Doherty, che gestisce un’organizzazione per la sopravvivenza in Australia, A Dog’s Dream Rescue, che salva i beagles destinati a essere soppressi negli Stati Uniti e li porta in Canada per essere adottati. Questa volta, un rifugio nel Kentucky stava chiedendo se sarebbe interessata a un beagle da 17 libbre che era stato trovato nei boschi. Dopo aver passato giorni al rifugio, nessuno si era fatto avanti per adottarlo e il cane era nella lista di animali destinati all’eutanasia. “Io dico sempre di sì”, ha detto Doherty. “Non posso dire di no.”

Una rete di volontari ha aiutato a trasportare il cane per oltre 500 miglia fino al confine canadese, guidando ciascuno per un’ora prima di consegnarlo alla prossima macchina in attesa.

Non era da nemmeno un giorno in Canada quando Doherty lo portò a un evento di adozione nella periferia di Toronto. “Stava semplicemente seduto lì con quegli occhi tristi da beagle, sembrava così depresso. Era irresistibile”, ha detto Doherty.

Dozzine di persone si sono presentate per incontrare i 20 cani messi in adozione, tra cui Markle, che all’epoca viveva a Toronto dove girava la sua serie TV Suits. Doherty – che non aveva mai sentito parlare di Suits – non aveva alcuna idea dello status di celebrità di Markle.

Il primo accenno alla fama di Markle arrivò dopo che Doherty disse che avrebbe dovuto effettuare una visita a casa per confermare alcuni dei dettagli elencati nella sua domanda, come il cortile recintato. Markle ha detto che non sarebbe stato un problema, ma le ha chiesto di fissare un appuntamento per motivi di sicurezza.

Doherty non arrivò mai a casa di Markle. Quando capì chi era Meghan accettò subito di darle il cane. Da allora, segue la nuova vita di Guy su Instagram, deliziandosi con gli scatti del beagle mentre passeggiava per le strade di Toronto accanto a Markle o si accoccolava accanto a lei a casa, sonnecchiando.

Dopo che sentì le notizie sul fidanzamento di Markle con il principe Harry, Doherty si crogiolò nell’idea che uno dei suoi cani si sarebbe unito alla famiglia reale. “era oltre la mia più sfrenata immaginazione”, ha detto. “Un buon vecchio beagle del Kentucky al palazzo reale?”

A novembre, il segretario di comunicazione del principe Harry ha confermato che Guy si era trasferito nel Regno Unito e che viveva con Markle. L’altro suo cane, Bogart, è ritenuto troppo vecchio per compiere il viaggio attraverso l’Atlantico e stare con gli amici intimi di Markle.

Dei circa 1.600 cani che la sua organizzazione ha salvato negli ultimi sette anni, alcuni sono diventati cani per la ricerca del cancro mentre alcuni sostengono le persone che hanno attacchi di depressione o di panico. Altri hanno trovato lavoro come cani da rilevamento lungo il confine tra Canada e Stati Uniti.

“I cani che sono venuti qui hanno avuto un impatto notevole su molte vite”, ha detto. “Quindi ci sono un sacco di lieti fini, ma il suo è sicuramente il più eccezionale.”