Addio Denzel, cane eroe

Denzel, il cane eroe dell’unità cinofila reggiana, è volato sul ponte dell'arcobaleno. Ecco il racconto commosso del suo proprietario Giuseppe Arigò.

Home > Animali > Addio Denzel, cane eroe

Denzel, il cane eroe dell’unità cinofila reggiana non c’è più. Si è spento a 12 anni, lasciando il suo proprietario Giuseppe Arigò triste e sconsolato… perché quando si perde un amico ti sembra che tutto il mondo ti crolli addosso. E loro due erano molto più che amici.

giuseppe-denzel

Giuseppe Arigò e Denzel, il labrador-pompiere che, per 7 anni ha fatto parte della squadra reggiana dei vigili del fuoco, avevano un rapporto speciale e unico. Giuseppe dice di lui: “Aveva un’intelligenza incredibile”. Ma la morte di Denzel non ha toccato solo Giuseppe… Tutti i vigili del fuoco reggiani lo conoscevano e lo amavano e sono colpiti dalla sua morte. Denzel era andato in pensione a 9 anni, dopo una lunga carriera. Aveva salvato tantissime vite e ha avuto un ruolo importante a maggio del 2012, durante e dopo il terremoto che aveva colpito la Bassa reggiana e il modenese.

Denzel-Cartier-Cris-e-Maya

Denzel insieme ai suoi compagni a 4 zampe Maya e Cartier facevano parte dalla squadra di cani-pompieri reggiani.

addio-denzel-cane-eroe

Giuseppe Arigò racconto come l’addestramento di Denzel era cominciato un po’ per gioco quando il cucciolo aveva solo 3 mesi. “A due anni e mezzo, c’è stato l’esame a Torino e la scuola nazionale di abilitazione di Volpiano”. Dopo l’esame e dopo aver ottenuto l’abilitazione per ricerche di superficie e tra le macerie, Denzel era diventato a tutti gli effetti un cane-vigile del fuoco.

unita-cinofile-reggio-emilia

Il suo umano, Giuseppe Arigò, è un ex vigile del fuoco discontinuo, figlio di Rosario Arigò, un funzionario andato in pensione pochi mesi fa. Giuseppe continua il suo racconto:

“Ci sono stati tanti interventi. Ma il più significativo è senza dubbio quello in Emilia. Io e Denzel fummo tra i primi a intervenire all’Haemotronic di Mirandola. Sotto le macerie della ditta del settore biomedicale di Mirandola morirono quattro persone.”

Quando Denzel, a 9 anni, aveva subito un grosso infortunio durante un’esercitazione Giuseppe ha deciso di “pensionarlo”.

Giuseppe Arigò ammete di avere delle difficoltà a vivere senza Denzel: “Avevamo un rapporto speciale. E lui era un cane di una bontà unica. Sono straordinari, con una intelligenza incredibile. E poi, durante gli interventi sono loro più di noi a rischiare. Grazie Denzel.”