Dirt, il gatto sporco delle ferrovie del Nevada

Oggi vi raccontiamo la storia di Dirt, il gatto delle ferrovie del Nevada che ha un aspetto così particolare da sembrare sempre bisognoso di un bagno!

Home > Animali > Dirt, il gatto sporco delle ferrovie del Nevada

La Nevada Northern Railway si trova su quella che è considerata la strada più solitaria d’America. È una vecchia reliquia che racconta una storia che non c’è più, grazie ai vagoni del 1906 che sono una vera e propria attrazione. Ma non sono l’unica cosa che porta i visitatori da queste parti.

Se girovagate per l’East Ely Railroad Depot Museum, potreste imbattervi in Dirt, il gatto che qui vive e che ha un aspetto così particolare da sembrare sempre sporco.

Dirt

Mentre i tour di turisti attraversano l’edificio, i visitatori rimangono incantati ad ascoltare storie di un tempo che non c’è più. Poi all’improvviso arriva Dirt, anche da sotto i treni, sedendosi in mezzo al gruppo e mostrandosi orgoglioso ai visitatori.

Eric Mencis, direttore dei servizi per gli ospiti e direttore dei social media della ferrovia, ha raccontato a Bored Panda la storia di Dirt. Questo è l’unico posto dove il gattino abbia mai vissuto. Qui è nato 11 anni fa ed è sempre stato randagio.

La mamma di Dirt ha avuto i suoi cuccioli sotto uno di quei treni, un enorme spazzaneve a vapore. La mamma e gli altri gatti se ne sono andati, lui è rimasto perché aveva paura. Da allora ogni sera il personale gli lascia una lattina di tonno.

E lui è diventato uno di casa. Ama rotolarsi sui pavimenti sporchi della sala macchine e arrampicarsi sul carbone, per questo è stato chiamato Dirt.

In realtà Dirt è bianco e arancione, ma fin da piccolo si rotola nello sporco, quindi oggi è praticamente grigio. Non ama lavarsi e gli piace stare sporco! Questo perché, da gatto intelligente, sa che leccandosi potrebbe ingerire sostanze dannose. In più, quella sporcizia fatta di carbone e polvere, tiene lontani i parassiti.

Dirt ogni giorno cammina con orgoglio tra quelle macchine che hanno fatto la storia.

Come se sapesse di vivere in un luogo importante per la memoria.

Lui si arrampica, gli gira intorno, li controlla, come se li ispezionasse, come se controllasse se è tutto ok.

La gente è affascinata dalla storia delle ferrovie, ma Dirt ruba sempre la scena.

Sembra quasi una celebrità e posa anche per le foto, in attesa delle coccole.

Le visite possono durare anche un’ora e Dirt segue il gruppo fino alla fine.

Non li lascia mai.

E controlla anche i visitatori che decidono di optare per le audioguide.

È un po’ come fosse il guardiano!

La sua fama è arrivata anche sui social.

Da quando hanno raccontato la sua storia sono aumentati anche i visitatori.

Perché tutti amano la storia della ferrovia.

E tutti amano i gatti.

E Dirt sa bene come farsi amare da tutti.