Dopo essersi smarrito, va nell’unico posto sicuro

Vi è mai capitato di perdere il vostro animale domestico? E’ una delle sensazioni più brutte che si possa provare… cercarlo ovunque e non trovarlo. Iniziare a pensare che gli possa capitare qualcosa di brutto, che la strada è piena di pericoli… e così iniziamo a tappezzare la città di volantini, a pubblicare post sui social network, chiedendo aiuto a chiunque. Iniziamo a telefonare alle associazioni animaliste e a tutti i volontari della zona.

Nella maggior parte dei casi, quando un animale scappa, non si allontana più di tanto e spesso torna a casa da solo. Ma può capitare anche che un cane o un gatto, spaventato da qualcosa, si allontani miglia, prima di accorgersi di essersi perso. Purtroppo gli animali non sanno quali sono i posti sicuri, così come non sono in grado di chiedere aiuto alle persone. O almeno è così per quasi tutti gli amici a quattro zampe, ma…

Il protagonista di questa storia si chiama Buddy, è fuggito dal cortile della sua casa, a Batvia, New York. Non è riuscito più a trovare la strada per tornare indietro, così è andato nell’unico posto sicuro, l’ United Memorial Medical Center. Buddy si è avvicinato alle porte elettroniche dell’ospedale e ha camminato tranquillamente all’interno. Poi si si è disteso sul pavimento e ha atteso, proprio come diceva il cartello: “sala d’attesa”.

Subito il team medico si è avvicinato a lui per soccorrerlo, ma quando gli infermieri si sono resi conto che non era lì per essere curato, gli hanno portato una coperta, dell’acqua e qualche dolcetto, poi hanno avvertito le forze dell’ordine.

Nel frattempo la sua mamma e il suo papà umani, erano tornati dal lavoro e si erano accorti che, dopo aver scavato a terra, era fuggito dalla recinzione. Erano nel panico totale, hanno iniziato a cercarlo ovunque.

Il dipendente dell’ospedale Katelyn DiSalvo ha pubblicato una foto di Buddy su Facebook con una didascalia che diceva: “Questo dolce cucciolo è entrato nell’UMMC ER proprio come farebbe un paziente. Nessun tag ID, la polizia è venuta a prenderlo e sarà tenuto sotto custodia finché qualcuno non andrà a prenderlo.” 

La sua famiglia però non aveva il magico social network, altrimenti, magari, Buddy sarebbe tornato a casa molto prima. Ma per fortuna, alla fine, la polizia è riuscita a scoprire dove viveva e l’ha riportato dalla sua famiglia. L’incontro è stato emozionante, ma c’era qualcosa che nessuno sapeva…

Entrambi i genitori umani del cagnolone, in passato, avevano lavorato all’United Memorial Medical. Aveva riconosciuto il luogo e probabilmente l’odore familiare…

Oggi Buddy ha un nuovo collare con il suo nome e l’indirizzo, in caso si perda di nuovo. C’è ancora qualcuno in grado di dire che i cani non sono intelligenti?

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Telecamere di sicurezza registrano il comportamento di un veterinario con un cane ricoverato

Telecamere di sicurezza registrano il comportamento di un veterinario con un cane ricoverato

Topolino si intrufola nell'auto di una coppia e approfitta di un passaggio

Topolino si intrufola nell'auto di una coppia e approfitta di un passaggio

Veterinari salvano una mucca: nel suo stomaco 52 kg di plastica

Veterinari salvano una mucca: nel suo stomaco 52 kg di plastica

Cane abbandonato in strada chiede aiuto al finestrino

Cane abbandonato in strada chiede aiuto al finestrino

Il cane Zig non riesce a smettere di abbracciare il suo nuovo amico umano

Il cane Zig non riesce a smettere di abbracciare il suo nuovo amico umano

Il gesto del fattorino che ha commosso il web: ha salvato una cagnolina abbandonata

Il gesto del fattorino che ha commosso il web: ha salvato una cagnolina abbandonata

Chaba, l'elefantino salvato da una vita di sofferenze: il primo dolcissimo bagnetto

Chaba, l'elefantino salvato da una vita di sofferenze: il primo dolcissimo bagnetto