Duca e la sua orribile vita

Home > Animali > Duca e la sua orribile vita

Due anni fa, in Bulgaria, c’era un cane. Tutta la gente del paese credeva che fosse malato e quindi, per evitare di prendere la sua infezione, l’hanno legato ad un rimorchio. Non poteva muoversi e nemmeno camminare. In più la sua catena era talmente stretta che faceva anche fatica a respirare.

E’ rimasto legato per dieci giorni. L’unica cosa che riusciva ad ottenere, era qualche pezzo di pane che qualcuno gli buttava da lontano. Una donna, un giorno, è passata da quelle parti per caso e appena l’ha visto, non ha potuto fare a meno di fare qualcosa per aiutarlo. Ha chiamato i volontari di Rudozen Street Dog Rescue, associazione che aiuta gli animali in difficoltà. I ragazzi sapevano che il loro rifugio era pieno, ma sono andati lo stesso, perché altrimenti il piccolo sarebbe morto. Dopo un po’ di crocchette e due carezze, il cagnolino ha preso subito confidenza. Così i volontari sono riusciti a prenderlo e a portarlo dal veterinario. Dopo una prima visita, il medico ha capito subito che le sue condizioni erano gravi, perché solo a vista d’occhio si vedeva che le sue gambe erano deformate. Dopo le lastre, hanno scoperto che era stato picchiato e che le sue zampe erano così, perché erano state rotte intenzionalmente. Aveva anche problemi alla gola, a causa della catena che gli era stata messa al collo. Un ragazzo ha deciso di chiamarlo Duca. Inoltre era anche malnutrito. Il veterinario gli ha dovuto mettere delle stecche, anche se sapeva che aveva bisogno di un intervento. Guarda il video del salvataggio di seguito:

video

Dopo solamente la prima settimana al rifugio, Duca già stava mangiando di più ed aveva anche imparato a camminare con quelle stecche.

I volontari hanno fatto tutti gli annunci per l’adozione e una donna è arrivata dall’Inghilterra, in Bulgaria, per portare a casa quel cagnolino, perché si era follemente innamorata di lui e voleva fargli dimenticare quello che aveva subito.

Ora Duca, grazie ai volontari ed a questa brava signora, non dovrà più preoccuparsi di essere maltrattato o di rimanere solo in strada!

Grazie ragazzi per avergli regalato una seconda possibilità di vita!