Eddi e la forza del vulcano Fuego

La sua famiglia per un cane è tutto, potete continuare a dire fesserie ma per i nostri amici a quattro zampe, la fedeltà resta una priorità del loro essere. La terribile eruzione del vulcanio Fuego sta seminando distruzione ovunque, la lava sta incenerendo case e vite senza pietà, i soccorritori sono sfiniti, i cani di servizio aiutano, ma a quanto pare non solo loro


Eddi, un meticcio dagli occhi spaventati, taglia media si avvicina ai ragazzi, fa in modo di attirare l’attenzione, vuole farsi seguire, così, uno dei ragazzi chiama la squadra, loro, umilmente, seguono Eddi, si fidano del loro fiuto. Arrivano ad una casa, la lava l’ha completamente ricoperta, tra cenere e disperazione si trovano davanti ben otto persone bruciate. Eddi guarda, con la zampina cerca di smuovere, forse la sua mamma, non c’è nulla da fare, di quella famiglia non è rimasto nulla. Eddi non esce, si accuccia tra quella polvere che sa di morte, guarda i ragazzi, non capisce perché non aiutino la sua famiglia, perché, i cani non capiscono la morte..Un vigile non riesce a staccare gli occhi da Eddi, spezza il cuore, si avvicina a lui e lo abbraccia teneramente, come un papà con il figlio, lo stringe, gli da una grattatina di incoraggiamento sulla sulla testa, quasi a dire!Dai, non sei solo, ci sono io!” Eddi da giorni segue la squadra di vigili, si è unito alla compagnia, mangia, dorme e lavora insieme a loro. Questa storia vorrei dedicarla a tutte quelle persone che non riescono ad aprire il loro cuore ad un amico a quattro zampe, sono esseri meravigliosi, sono puri come mai nessun uomo potrà esserlo. Eddi, buona fortuna, speriamo che i ragazzi si prendano cura di lui per sempre!

solo corpi e cenere

lui senza più niente al mondo

Altri amici sono rimesti senza famiglia

In bocca al lupo ragazzi