Emy e la sua strana vita

Che strane persone che esistono, che richieste singolari ci arrivano dopo tanti anni di volontariato…Piper è un noto volontario e ha un’associazione in California per la tutela degli animali, un giorno arriva una telefonata da Barni, un suo caro amico, chiedeva di andare fuori al supermercato perché c’era bisogno di una mano



COMPRA QUI PETFOUNTAIN!

Piper si ritrova davanti un uomo di mezza età, un senzatetto abbastanza dignitoso, con un grave problema linguistico, dovuto forse ad un ictus passato. L’uomo si chiama Hector, gesticola un po, parla come meglio riesce e il nostro volontario non riesce a capire, così, l’uomo si avvicina al carrellino pieno delle sue cose e tira fuori una vera “bomboniera”. Si chiama Emy, una minuscola cagnolina di cui lui è innamoratissimo. Piper crede di dover prendere il cane e portarlo via per cercare una famiglia, invece l’uomo spiega che vuole aiuto per registrarla e farei documenti, ha paura che prima o poi qualcuno possa portargliela via perché lui è in strada…Questa richiesta darà il via ad un susseguirsi di cose mai viste…Piper prende atto che la cagnolina è tenuta benissimo, una principessa, pulita e in salute, accudita 24 h su 24, non è necessario infatti cercare una casa ma pubblica la storia di Hector e della cagnolina, così il web impazzisce per lui e, oltre a raccogliere soldi per regolarizzare e vaccinare Emy, acquistano un passeggino a norma, copertine nuove e un bel pupazzo per compagnia. Mentre tutti cercano di sistemare il lato dolce e amorevole, qualcuno guarda oltre, anche Hector ha bisogno di aiuto ma non ha la salute per lavorare, così, una persona di buon cuore mette a disposizione una stanza nella sua modesta pensione, potrà avere sempre un riparo eun comodo letto per riposare. Emy potrà stare con lui tranquillamente, la signora ha dichiarato senza problemi che nella sua pensione i cani non hanno mai dato fastidio, non può dire la stessa cosa degli umani!

Quando trovi l’amore le cose vanno

sempre per il verso giusto

viva la condivisione

Grazie a chi non si gira dall’altra parte…