G7, la femmina di pitbull soppressa mentre partoriva

G7, la femmina di pitbull soppressa mentre partoriva, era stata consegnata al rifugio dai suoi proprietari; ecco la sua storia.

Home > Animali > G7, la femmina di pitbull soppressa mentre partoriva

La storia di G7, la femmina di pitbull soppressa mentre partoriva ha fatto scalpore nel mondo intero. La cagnolina era stata portata nel rifugio incinta dai suoi proprietari che n on la volevano più. Una volontaria di nome Dacia Anderson si era interessata a lei e voleva aiutarla ma quando si è recata nel canile ha scoperto che G7 era stata soppressa e, cosa ancora più grave, l’iniezione letale le era stata fatta mentre partoriva.

G7 è una femmina di pitbull che è stata soppressa mentre partoriva e la sua storia ha fatto indignare tutti. La terribile vicenda è accaduta in un rifugio in Texas. Una volontaria di nome Dacia Anderson ha pubblicato una storia su Facebook il 10 maggio in cui racconta la triste vicenda di G7.

g7-mamma-pitbull

“L’ultima cosa che ha fatto, mentre stava morendo, è stato cercare di pulire i suoi cuccioli appena nati. Anche i suoi cuccioli sono stati soppressi”.

pitbull-g7

Anderson lavora come volontaria per la Yellow-Panhandle Humane Society (APHS). Anderson aveva incontrato la femmina di pitbull e le aveva scattato una foto in cui si vede la faccia sorridente del pitbull. La foto serviva per il sito web e per trovarle una famiglia.

g7

Anderson ha visto che la femmina di pitbull era incinta e l’ha descritta come amichevole ma spaventata – comprensibilmente dato che i suoi proprietari l’avevano consegnata al rifugio il giorno prima.

Quando Anderson andò a controllarla più tardi, notò che non c’era un lettino per cuccioli dopo la nascita nel suo box. Andò via a vedere se riusciva a trovare uno.

g7-gabbia

“Poi ho visto un assistente del canile dell’AAMW che stava montando un box per cuccioli e ha pensato che fosse per lei”, ha detto Anderson nel suo post su Facebook.

Tuttavia, quando è tornata al rifugio in seguito, un dipendente dell’AAMW le ha impedito di entrare perché, a detta sua, la cagnolina era stata trasferita in un’altra zona per partorire. Sfortunatamente, non era vero.

documenti-cessione

“Un po’ più tardi, ho sentito che un messaggio affermava che G7 era stata soppressa mentre era in travaglio. Un dipendente della AMW ha successivamente confermato che si trattava effettivamente dello stesso cane”, riporta Anderson.

Sconvolta da quello che era successo, Anderson ha chiesto spiegazioni. Le hanno detto che la cagnolina era stata segnalata dai suoi proprietari come pericolosa e aggressiva e, per questo, era stata soppressa. Ma non era vero. Controllando i documenti, Anderson ha scoperto che il cambio era stato fatto in seguito.

Anderson ha deciso di rendere tutto pubblico per far luce sulla vicenda.