Gatto randagio con gli occhi tristi ruba i cuori di una coppia e impara ad amare

Come resistere a quello sguardo?

Home > Animali > Gatto randagio con gli occhi tristi ruba i cuori di una coppia e impara ad amare

Un giorno un minuscolo gattino randagio si è insinuato nei cuori di una coppia: loro non cercavano un gattino, ma quando il piccolo soriano li ha guardati per la prima volta con i suoi occhi tristi, non avevano altra possibilità. Ecco a voi Mami!

Mami è stata trovata insieme ai suoi fratelli Louie e Henry e alla mamma in un cassonetto di una scuola superiore. Era inverno e la famiglia felina cercava di stare al caldo. I soccorritori li hanno salvati, ma Mami era la più ansiosa: forse era spaventata.

Sinead Brooks e il suo compagno incontrarono Mami tramite un amico: fu amore a prima vista!

Mami era molto timida e i suoi occhi sembravano raccontare una storia. Dopo essersi trasferita nella nuova casa, si nascondeva e aveva paura: dopo alcune settimane, però, cominciò finalmente a sentirsi a casa.

“Ho sempre avuto dei gatti ed ero così frustrata perché era spaventata da me o da ogni mio rumore, ma ci siamo informati molto sui gatti randagi e sul loro comportamento e abbiamo usato le informazioni per aiutarla”.

Pian piano Mami si è abituata ai suoi nuovi genitori umani: non erano cattivi e così decise di fidarsi di loro.

Un giorno per la prima volta decise di farsi fare delle coccole: è stato un momento davvero importante per tutti quanti.

Da quando è arrivato a casa un nuovo fratellino, Morty, Mami diventa sempre più grande, mostrando la sua energia e prendendosi cura di questo piccoletto.

E’ un vero e proprio angelo: ama le coccole, i giocattoli, i dolcetti e il suo amico gatto.

Mami è amata e coccolata tutto il giorno!

Da quando è arrivata in questa casa, ne ha fatta di strada la piccola!

“E’ la più dolce e affettuosa gattina che abbia mai avuto e vorrei che le persone potessero vedere di più”.

Mami è sempre pronta a curiosare!

Quando chiede qualcosa, la ottiene sempre…

… come fare a dirle di no?

E’ impossibile!