Genova: labrador morde bimba 16 mesi

Genova: labrador morde bimba 16 mesi; l'ha azzannata al volto e la mamma è intervenuta per salvarla; ecco una prima ricostruzione fatta dalla polizia.

Home > Animali > Genova: labrador morde bimba 16 mesi

Genova: labrador morde bimba 16 mesi. È accaduto ieri pomeriggio a Genova, in un’abitazione di Sestri Ponente. Sul posto sono intervenuti gli operatori del 118, i vigili urbani della squadra di polizia giudiziaria e la Croce Gialla. La bambina è stata trasportata in codice giallo al pronto soccorso del Gaslini.

sestri-ponente-mappa

Siamo a Genova dove il 24 aprile, è stata sfiorata una tragedia. In un abitazione di Sestri Ponente una bimba di quasi 16 mesi è stata azzannata al volto dal cane di famiglia, un labrador di 5 anni. La piccola era a casa insieme alla madre e alla sorella di 7 anni.

genova-labrador-morde-bimba-16-mesi

I vigili urbani della squadra di polizia giudiziaria hanno provato a ricostruire la vicenda in base al racconto della madre della piccola. Sembra che la bambina stava giocando e il cane l’ha azzannata all’improvviso in seguito ad un momento di distrazione suo. Lei è intervenuta subito e ha liberato la bambina, chiamando poi soccorsi.

Panorama-genova

La bambina è stata portata in codice giallo in pronto soccorso ma poi, dopo che i medici l’hanno visitata, l’hanno classificata come un codice verde. La piccola è stata sottoposta a un intervento semplice di sutura e pulizia della ferita. Sta bene e tra qualche giorno potrà tornare a casa.

Ecco il comunicato della direzione sanitaria del Gaslini: “Codice verde e nessun problema clinico. La bambina è stata invece classificata in codice verde e subito portata in sala operatoria per la pulizia della ferita e la sutura. Nessun problema clinico, la bimba sarà dimissibile entro un paio di giorni”.

croce-gialla

È andata peggio al cane che è stato sequestrato dalla polizia locale e trasferito con la macchina della Croce Gialla al canile di Monte Contessa. Si aspettano le valutazioni degli esperti e si cerca di capire meglio cos’è accaduto quel pomeriggio in quella casa.

Fonte: ilmessaggero.it