Giovani costretti a tornare a casa dopo aver salvato due cani randagi

Due ragazzi sono stati costretti a tornare a casa e rinunciare alla loro avventura dopo aver salvato due cani randagi. Ecco cosa è successo.

Lucas e Sol sono due ragazzi che hanno deciso di rinunciare alla loro avventura in vacanza per salvare due cani randagi. Il loro gesto è stato così commovente e così toccante da raggiungere tantissime persone e fare il giro dei social network.

Lucas e Sol sono due ragazzi argentini che hanno deciso di fare un viaggio insieme in Cile, per andare alla scoperta di quel paese così vicino e misterioso. Proprio nei giorni precedenti il loro ritorno a casa, i due si sono imbattuti in due cani.

Dopo poche ore passate insieme, Lucas, 24 anni, ha deciso che non poteva assolutamente lasciarli lì: doveva fare qualcosa per salvarli e portarli in Argentina. Sol ha subito aderito al piano di Lucas: anche lei era dalla sua parte.

Tutto sembrava filare liscio, ma il destino infingardo ci ha messo lo zampino.

Arrivati ad Abra Pampa,i due sono stati derubati: Lucas e Sol sono rimasti senza soldi, senza cellulare, senza vestiti. C’erano solo loro due e i cani. Disperati, la coppia ha deciso di chiamare il padre di Sol affinché gli inviasse dei soldi per riuscire a rientrare in patria.

L’uomo si è subito recato al confine e gli ha fatto pervenire i soldi necessari per tornare in Argentina. Tuttavia, una volta arrivati al terminal, un’amara sorpresa li aspettava: il loro ingresso è stato bloccato perché non potevano viaggiare con i cani. Nessuna compagnia di viaggio, infatti, ammetteva animali su lunghe rotte a causa dei potenziali disagi che avrebbero potuto causare agli altri passeggeri.

Di fronte a un simile ostacolo, Sol e Lucas sembravano non avere scelta: dovevano lasciare i cani al terminal. Ma la coppia non li aveva salvati solo per abbandonarli di nuovo. E Lucas studia il piano B.

Decide, infatti, di viaggiare in autobus: un viaggio lungo e stancante, ma Lucas ha pensato che ne valesse la pena pur di riuscire a entrare in Argentina con i suoi due nuovi amici a quattro zampe. Tornata intanto in Argentina, Sol ha raccontato tutto alla sorella e alla madre di Lucas, le quali hanno subito pubblicato la notizia sui social network, facendola diventare virale.

Le due donne, infatti, hanno chiesto aiuto a chiunque vedesse Lucas e i due cani per strada. L’appello ha dato i suoi frutti: Ninoska e Evelyn, due sorelle, hanno visto Lucas e i cani per strada e hanno deciso di aiutarli. Dopo averli rifocillati e avergli dato qualche soldo, gli hanno offerto un passaggio in auto.

Dopo averlo salutato, però, le due donne ci hanno ripensato: sono tornate indietro e, insieme alla loro madre, hanno ospitato i tre viaggiatori stanchi a casa loro, in modo che potessero nutrirsi meglio e riposare.

Successivamente anche la cilena Natalia Ponce, dopo aver visto l’appello sui social network, è partita alla ricerca di Lucas: un suo parente avrebbe dovuto viaggiare da Tucuman a Mendoza e avrebbe potuto dargli un passaggio. Trovato il ragazzo, finalmente lui e i suoi due cani, Serenza e Plzen, sono finalmente arrivati a casa.

Donna sorprende suo marito a letto con una bionda

Donna sorprende suo marito a letto con una bionda

Donna sorprende un uomo anziano mentre convince il suo cagnolino a fare amicizia con un gatto per strada

Donna sorprende un uomo anziano mentre convince il suo cagnolino a fare amicizia con un gatto per strada

Colombia, negozio permette ai cani randagi di rinfrescarsi con l'aria condizionata

Colombia, negozio permette ai cani randagi di rinfrescarsi con l'aria condizionata

Il gesto gentile della donna al cagnolino

Il gesto gentile della donna al cagnolino

La storia di Titus e Lewis

La storia di Titus e Lewis

Telecamere di sicurezza registrano il comportamento di un veterinario con un cane ricoverato

Telecamere di sicurezza registrano il comportamento di un veterinario con un cane ricoverato

Rabbia a Fucecchio: dodici cuccioli abbandonati in delle scatole sigillate

Rabbia a Fucecchio: dodici cuccioli abbandonati in delle scatole sigillate