Glasgow,cane avvelenato al parco

Il proprietario di un cane morto per avvelenamento in un parco pubblico, mette in allarme gli altri proprietari.

Home > Animali > Glasgow,cane avvelenato al parco

Pamela Mcculloch era la proprietaria di un cane, purtroppo morto a causa di un avvelenamento, avvenuto quando si trovava all’interno del Pollok Park, un parco pubblico di Glasgow dove spesso le persone con i loro cani vanno a passeggio. Dopo la sua terribile esperienza, ha deciso di condividere quanto successo perché non capiti mai più a nessun altro cane.

Il cane di Pamela Mcculloch è morto all’improvviso. E l’autopsia ha dimostrato che si è trattato di avvelenamento: la sua amatissima Daisy aveva ingerito del veleno mentre si trovava in quel parco. Devastata per l’accaduto, ha pensato bene di avvisare, tramite un post su Facebook, tutti gli altri proprietari di animali domestici della zona, chiedendo loro di fare attenzione, di essere vigili.

Il cane è morto avvelenato e i risultati dell’autopsia hanno rivelato che forse il veleno era antigelo per le macchine. Che ha per forza trovato in quel parco che spesso è frequentato da persone che portano lì a passeggio i loro amati cani. Daisy poteva andare in giro da sola, senza essere controllata, solo in quel parco. Quindi per forza il veleno deve averlo trovato lì. Anche altri cani sono stati avvelenati in quel luogo.

Dopo il consumo di quel veleno, la povera Daisy ha sofferto per almeno 12 ore di insufficienza renale e insufficienza cardiaca. Pamela Mcculloch ha sofferto molto e non vuole che altre persone e altri cani debbano passare quello che la sua famiglia ha attraversato in questo periodo. Chi ha messo il veleno in quel parco, lo ha lasciato allo scoperto volontariamente, proprio per far male a qualche cane.

Il post è giustamente diventato virale ed è stato condiviso da moltissime persone. Così il messaggio di Pamela potrà raggiungere più persone possibili, nella speranza di salvare ogni cane che passeggia in quelle zone. E nella speranza che il colpevole possa presto finire in manette.