Gwen, una vita da dimenticare

Un cane che era troppo depresso per sollevare anche solo la testa. Una catena pesante, un collare così grande da piegare il collo. Le ossa sporgevano, la pelle puzzava, il costato si contava.  Quello non era un cane, era qualcosa che ci somigliava vagamente. Era un residuo,talmente residuo che l’avevano usata

per i combatti. Sono incatenati a catene pesanti e non hanno accesso al cibo o all’acqua. Ad agosto, la SPCA del Texas ha trovato 14 cani in un sospetto campo di combattimento di cani a Able Springs, in Texas. Tutti i cani vennero liberati quando arrivarono i soccorritori, tranne uno. Madeline Yeaman ricorda il piccolo cane emaciato sull’orlo della morte. Il collare del cane era stretto attorno al collo e la catena era attaccata a un vecchio asse del carrello. La povera creatura non aveva protezione dal caldo sole del Texas ed era troppo debole per muoversi quando i soccorritori l’avevano liberata dalla catena. Tutto quello che il cane poteva fare era sedersi in un posto e appendere la testa. Il medico che l’ha visitata ha detto di non avere quasi sangue nelle vene, ha dovuto prendere il suo cane, anche pochino anziano per fare una trasfusione. Il team ha iniziato a trattarla immediatamente. Le fecero un bagno per liberarla dalle  zecche e delle pulci. Ha ricevuto diverse trasfusioni di sangue, acqua e cibo. L’hanno chiamata Gwen. Mentre i giorni passavano, Gwen divenne più forte e riuscì a tenere la testa un po ‘più in alto. Ora Gwen saluta tutti quelli che vede, con una coda scodinzolante, ha la testa alta e un corpo molto traballante! Gwen ama correre e giocare fuori, ed è amata da tutti al rifugio. Guardate l’ultima foto