Ha rincorso la macchina del suo padrone, finché le sue zampette non hanno ceduto

"Come hai potuto sbarazzarti così del tuo cane. Ti ha rincorso con tutte le sue forze, finché le sue zampette non hanno ceduto e si è accasciato "

Home > Animali > Ha rincorso la macchina del suo padrone, finché le sue zampette non hanno ceduto

Diversamente dal solito, quella mattina un ragazzo di nome Dion Cole era in ritardo, mentre si recava al lavoro. E’ sempre stato un tipo puntuale, ma quel giorno il destino doveva mostrargli qualcosa. Mentre percorreva il tragitto, Dion si è reso conto che dalla vettura che lo precedeva, qualcuno stava cercando di sbarazzarsi di un cane.

Invece di lasciarlo in un canile, nelle mani di qualche volontario, aveva deciso di gettarlo come una vecchia cartaccia.

La scena più triste è stata vedere il cagnolino, confuso, che non sapendo perché fosse caduto dalla macchina, ha iniziato ad inseguirla disperatamente, con la speranza di raggiungerla. Una scena che ha spezzato il cuore di Dion.

Non sapendo come comportarsi, quando ha visto il cane rinunciare ed accasciarsi a terra, perché troppo stanco, il ragazzo si è accostato e gli ha fatto capire che poteva salire sulla sua auto, ma l’animale non aveva alcuna intenzione di allontanarsi da quel punto, perché era convinto che colui che l’aveva abbandonato, sarebbe tornato a prenderlo.

Dion provò a fare diversi tentativi, ma il cane ogni volta che si avvicinava, fuggiva impaurito nei boschi. Non sapendo cosa fare, chiamò sua moglie, per raccontarle quanto accaduto. La donna, dopo qualche giorno, scrisse un post su Facebook:

“Al sacco di spazzatura che si è sbarazzato del suo cane vicino ai boschi, sulla 48esima strada, venerdì, alle 3:30 del pomeriggio. Lascia che ti dica cosa ha fatto il tuo cane. Mentre tu te ne andavi, senza il minimo senso di colpa, lui ti ha inseguito, finché le sue piccole zampette non hanno ceduto ed è crollato a terra. 

Mio marito ha visto tutto e si è fermato per aiutare il tuo cane, ma si è così spaventato che si è inoltrato nei boschi. Il pomeriggio siamo tornati a cercarlo, ma ogni tentativo non ha funzionato. Domenica mattina sono tornata con dei dolcetti e con il mio cane, sperando che sentendo il suo odore, si fidasse di me. Ci ero quasi riuscita, ma poi è rifuggito via spaventato. Non potevo continuare a vivere sapendolo li, solo e terrorizzato, così prima di andarmene gli ho lasciato una scatoletta di cibo. 

Quando sono tornata da lui, ho visto un uomo anziano e un gruppo di ricercatori. Tutti cercavano di salvare il tuo cane. Era terrorizzato, ma con tanta pazienza e l’aiuto di un dolce ragazzino, siamo riusciti a catturarlo. Come hai fatto a buttarlo via come spazzatura? 

E’ dolce ed amorevole, ama i miei figli e i miei cani. Sono felice che mio marito quel giorno fosse in ritardo, perché ha visto quello che hai fatto e mi dispiace solo che non sia riuscito a prendere il tuo numero di targa. Sei un vero sacco di m…. e un giorno risponderai di ciò che hai fatto!”