I molti pericoli della spiaggia

Con l’arrivo dell’estate, molte persone amano andare in spiaggia, prendere il sole, fare il bagno e mangiare un sacco di gelato, ma per Jacob, tre anni, la visita sulla spiaggia nel 2014 è finita in tragedia. Jacob era su una spiaggia fuori Roskilde, in Danimarca, con sua madre, Katja Kafling. Il bambino correva felice e libero con i suoi piccoli piedi nella sabbia soffice, ma ben presto la gioia dell’estate divenne qualcosa di terribile.


Giacobbe aveva calpestato del carbone acceso che era nascosto dalla sabbia, probabilmente qualcuno aveva fatto un fuoco lì la notte prima pensando che si sarebbe completamente spento con un po’ di sabbia. Giacobbe ha avuto forti ustioni su entrambi i piedi. “Potevi vedere come la pelle dei piedi stava iniziando a cadere”, dice la madre di Jacob, Katja Kafling Wichmann, al canale televisivo norvegese TV2. In un commento di Facebook che è stato condiviso su larga scala su Internet, Katja racconta dell’incidente drammatico di 4 anni fa. La ragione per cui vuole condividere la storia di suo figlio è perché ha letto di un uomo al quale è accaduto la stessa cosa.  “Ci sono voluti un anno di visite all’ospedale, un grande dolore fisico e una lunga riabilitazione – per non parlare di come ha influenzato i nostri cuori”, scrive Katja nel commento. Dopo l’incidente, Katja, Jacob e la sua famiglia andarono rapidamente all’ospedale più vicino. Con l’acqua fredda, lo staff ha cercato di rinfrescare i piedi del bambino che stava urlando di dolore. I dottori allora dissero che nel peggiore dei casi, Jacob poteva perdere le dita, Katja svenne quando ricevette la notizia.

Fortunatamente i dottori sono riusciti a salvare le dita di Jacob, ma la riabilitazione è stata lunga e hanno dovuto fare diverse operazioni, hanno anche fatto il trapianto della pelle usando quella delle cosce del bambino per innestarlo sui suoi piedi.

Sebbene siano passati quattro anni, per Katja è ancora difficile pensare all’incidente. Jacob ha le cicatrici nei piedi, ma a parte questo si è completamente ripreso, tuttavia, il bambino non potrà mai dimenticare il giorno in cui si è bruciato i piedi, quattro anni fa.

Katja è molto commossa dall’attenzione che ha ricevuto e chiede a tutti di spegnere i loro fuochi con acqua invece che con sabbia. Non crede che chi ha lasciato il fuoco acceso avesse cattive intenzioni, è solo una mancanza di conoscenza.