I randagi di Naw Zad

Nel 2006, il sergente della Royal Marine “Pen” Farthing era di stanza a Naw Zad, una piccola città di provincia nell’ovest dell’Afghanistan, quando vide che alcuni uomini avevano organizzato una lotta tra i cani proprio fuori dalla sua caserma. All’epoca Pen non lo sapeva ma quello che è accaduto quel giorno sarebbe servito da catalizzatore per un movimento animalista che continua ancora oggi a Kabul.

Il soldato e i suoi compagni intervennero e fermarono il combattimento, portando via i cani. Uno dei cani coinvolti in quel combattimento che, in seguito, chiamò Nowzad, si affezionò immediatamente a Pen. Anche il soldato si affezionò a lui e, alla fine, riuscì a portarlo con sé a casa in Inghilterra una volta completata la sua missione. “Stavo pianificando di prendere un cane una volta tornato a casa ma ho preferito salvarne uno da qui e offrirgli una vita migliore. Lui e gli altri cani di Now Zad mi hanno tenuto compagnia mentre ero lì e non potevo immaginare di partire e non portarli a casa con me. Il suo amore per questo cane randagio lo ha spinto a fondare un’organizzazione no-profit, giustamente intitolata “Nowzad Dogs”. Nowzad ha aiutato più di 1.000 soldati degli Stati Uniti, Inghilterra, Canada e altri paesi a portare a casa i loro cani e gatti “adottati” nelle zone di guerra, una volta completate le loro missioni. Inizialmente, il gruppo si concentrava sul ricongiungimento dei cani con gli uomini e le donne che svolgevano il loro servizio militare nelle zone di guerra. Ma quell’associazione è cresciuta negli anni successivi e Nowzad è ora il primo e unico centro di soccorso per animali in Afghanistan. Prendono volontariamente centinaia di cani, gatti, asini e altri animali che sono stati abbandonati o che hanno bisogno di aiuto medico e li aiutano.


La struttura si occupa anche degli animali domestici mentre i proprietari sono lontani da casa e il personale offre lezioni gratuite per insegnare ai residenti come prendersi cura dei propri animali domestici in modo adeguato.

Ma gli animali non sono gli unici che hanno beneficiato! Nel 2011, a soli quattro anni dalla sua apertura, Nowzad ha aperto una clinica che ora dà lavoro a dozzine di veterinari locali.

E, tra loro, ci sono cinque veterinari donne e questo è davvero un “risultato rivoluzionario” in Afghanistan, un paese in cui le donne hanno solo recentemente guadagnato il diritto di guidare un veicolo.

“Il benessere degli animali era inesistente qui in Afghanistan, e ora siamo effettivamente in grado di aiutare, promuovere, insegnare e formare veterinari afgani per svolgere effettivamente un lavoro vitale per il benessere degli animali”, ha detto Pen, nominato Hero della CNN nel 2014 e ha ricevuto numerosi premi, tra cui il “Soldiering On Canine Companion Award” nel 2016.

Se la storia di Pen ti è piaciuta condividila. La sua associazione ha bisogno di essere conosciuta e sostenuta dal mondo intero.