I randagi e l’ingegnosa invenzione

I randagi non ebbero più fame grazie a un'ingegnosa invenzione

Un gruppo di quattro cani randagi si mette in fila per assaggiare le crocchette per cani che cadono da un distributore di PVC per strada. Non è certamente un’immagine che si vede tutti i giorni. Eppure la curiosa scena si svolge all’esterno di una stazione di polizia ed è l’iniziativa degli agenti della polizia nazionale del Perù ( PNP) nella città di Huaraz.

Fu’ un’iniziativa di questi agenti quando videro che gli animali si avvicinavano a loro in cerca di cibo. All’inizio hanno dato loro quello che avevano, ma alla fine hanno deciso di creare questo ingegnoso dispensario.

L’immagine dei cani randagi che ne fanno uso è stata divulgata in un post di Facebook con il commento: “La polizia di Monterrey (Huaraz) ha deciso di mettere cibo per animali abbandonati. I cuccioli fanno la fila per mangiare. ”

affascinante immagine ha prodotto decine di commenti da parte di persone che hanno elogiato le azioni di questi agenti di polizia considerati dei veri eroi e dotati di un amore sconfinato per questi meravigliosi cani.

Secondo il quotidiano la Republica, non è la prima volta che compaiono tali dispensari in Perù. Il giornale ha riferito che gli studenti hanno messo sistemi simili su pali del telefono o elettricità in modo che questi animali abbandonati non muoiano di fame.

Questo dimostra che ormai la sensibilizzazione verso il randagismo ha raggiunto livelli molto alti tanto ad arrivare alle istituzioni, le quali intraprendono queste meravigliose iniziative volte ad aiutare queste meravigliose creature. Spero di assistere molto più spesso a scene di questo tipo, piene di altruismo e di amore.

Moglie chiede l'eutanasia per il gatto mentre il marito è in ospedale

In cucciolo non accetta il "No" della sua mamma umana

Tony e Sadie la femmina di pitbull, una coppia inseparabile

Aubrey, la cagnolina abbandonata

Scomparso il cane Jasper: ritrovato dopo 4 giorni

Adottate anche i cani anziani

Rodie il cane abbandonato a causa della pandemia: ora cerca casa