Il barboncino Gully

Quando Judy Obregon ha ricevuto una foto di un barboncino, steso immobile su un vialetto di cemento, ha pensato che il cane fosse morto. Ma quando Obregon andò a raccogliere il corpo del cane, ebbe la più grande sorpresa. Prima di ricevere la foto del cane morto, Obregon, fondatrice di un gruppo di soccorso per cani chiamato The Abandoned Ones, era già andata a cercare il barboncino in un quartiere di Fort Worth, in Texas…


Un residente aveva spiegato che il cane correva intorno alla zona come un randagio, e bambini locali lo stavano tormentando. Poi, una persona le ha mandato la foto del cane che sembra morto. “Mi avevano raccontato che i bambini gli stavano buttando del cibo per strada, e il cane correva”, ha detto Obregon. “Poi i vicini hanno visto alcuni bambini legare un tubo dell’acqua intorno al suo collo.” Obregon andò in quel quartiere tre volte, ma non era riuscita a trovare il cane. Poi ha ricevuto la foto del cane dallo stesso residente che inizialmente l’aveva contattata – anche questa persona aveva pensato che il cane fosse morto. “Ho iniziato a piangere perché sentivo di non aver fatto abbastanza”, ha detto Obregon. “Mi sentivo colpevole per non aver fatto in tempo per arrivare a questo cane prima che finisse in questa situazione.” Ma quando Obregon tornò nel quartiere, fu sorpresa di scoprire che il cane era ancora vivo. “Quando sono arrivata da lui, era ancora nello stesso punto della foto ma la sua testa era alzata”, ha detto Obregon. “Ero probabilmente la persona più felice del mondo.” Ma il cane, che Obregon chiamò Gully, era in pessime condizioni. Non aveva lesioni fisiche ma era disidratato e debole. Obregon non crede che sarebbe sopravvissuto per un altro giorno. In più, Gully era terrorizzato, il che era comprensibile dopo quello che aveva passato. Ma una volta in macchina con Obregon, si rilassò rapidamente. “Ha iniziato a darmi baci”, ha detto Obregon. “Era una trasformazione totale, direi, e tutto nel giro di 48 ore.”

Obregon portò Gully dal veterinario, dove rimase per un paio di giorni.

Poi Gully andò a casa con Obregon prima di trasferirsi con un’amica sua, Crystal Hampton, che aveva deciso di offrirgli uno stallo.

“Dopo pochi giorni, è uscito dal suo guscio”, ha detto Obregon. “Era così felice. Ci sono state volte in cui ho persino pensato che sorridesse per la felicità. ” “Gli abbiamo mostrato che non tutti gli umani erano cattivi”, ha aggiunto Obregon.

“E gli animali sono così resistenti, e ha messo il suo passato dietro di lui nel momento in cui è stato salvato.”

Alla fine Gully trovò la casa perfetta. E Obregon non potrebbe essere più felice. “Ecco perché faccio quello che faccio”, ha detto Obregon.

“E devo dire che se non fosse per quel vicino, Gully non sarebbe vivo. È stata praticamente la persona che gli ha salvato la vita. ”