Il camper bruciato

Il camper e il cucciolo

Il piccolo Jack era da poco con la sua famiglia, di loro in realtà si sa ben poco, solo che vivevano nel camper e che non davano fastidio a nessuno. Pochi giorni fa, mentre l’uomo era fuori “casa” è scoppiato un violento incendio. Al suo ritorno le fiamme erano alte ormai e lui


non ha potuto fare molto. E’ riuscito ad entrare nel camper e a tirare fuori la sua compagna che, causa il fumo e la paura non era riuscita a reagire. Purtroppo per Jack non c’è  stato nulla da fare, il suo papà non è riuscito a salvarlo, forse lui, piccolo piccolo si è nascosto e questo lo ha, inconsapevolmente, condannato a morte. Sono arrivati i vigili del fuoco e le autorità competenti, la famiglia sostiene che si tratti di un atto doloso. Le indagini sono partite ma non sembra, al momento, ci siano i riscontri per dare credito a tale affermazione. Jack aveva solo quattro mesi, era un setterino dolcissimo, purtroppo la sua vita è finita presto, la sua famiglia oggi può solo piangere il suo ricordo, non è rimasto nulla di lui, ne un gioco ne una copertina. Quel camper doveva essere il suo posto sicuro dove lasciarsi coccolare e dove passare le sue giornate. Purtroppo il destino ha voluto altro, non credo sia giusto dare colpe, cero, se dovesse trattarsi di un incendio doloso sarebbe terribile. Forse, un incidente sarebbe meglio da accettare. Non sappiamo neanche dove la coppia sia alloggiata al momento, una storia tanto triste, buon ponte piccolo Jack

quello che resta

Buon ponte

buona fortuna mamma e papà