Il cane salvato doveva essere abbattuto, ma poi il veterinario lo ha salvato

Un cane salvato doveva essere abbattuto: poi un miracolo è accaduto per potergli salvare nuovamente la vita.

Home > Animali > Il cane salvato doveva essere abbattuto, ma poi il veterinario lo ha salvato

Pacino era un cane trovato tutto solo in una camera da letto di una casa abbandonata a Camden, nel New Jersey. Era il 2013. Aveva ferite gravi su tutto il corpo e gli agenti del controllo animali che lo hanno trovato lo hanno portato da un veterinario per valutarne le sue condizioni. Il povero Pacino doveva essere soppresso, ma l’incontro con una dottoressa veterinaria cambiò per sempre la sua vita.

Pacino

Gli agenti hanno portato Pacino dai veterinari che lo hanno trovato in pessima forma. E poi era troppo aggressivo da gestire. Rischiava di essere soppresso. Per fortuna una donna di nome Brittany Elder, che quel giorno si trovava in ambulatorio come tecnico veterinario, non appena lo ha incontrato ha deciso che doveva salvarlo.

cane abbandonato

Quando lo hanno portato nella stanza per il trattamento, lo hanno messo in una cassa gigante. Ho aperto la cassa e lui era rannicchiato nella parte posteriore e non sarebbe uscito, ma ho potuto vedere che era sanguinante e ferito. Lo hanno scaricato dalla cassa e lui è caduto sulle mie ginocchia, perché non riusciva a stare in piedi. Stava tremando ed era spaventato. Il suo corpo era freddo, magro e sporco“.

Brittany Elder

La donna si mise seduta sul pavimento con Pacino: era chiaro che aveva passato l’inferno e che meritava di essere amato per una volta nella sua vita. Mentre lei stava con il cane, i veterinari e gli agenti del controllo animali discuteva delle sorti del cane. Forse era stato usato come esca per i combattimenti tra cani. Se le sue ferite si fossero rivelate troppo gravi e i trattamenti troppo costosi, forse la soluzione migliore era addormentarlo per sempre.

cane ferito

A un certo punto, nonostante le sofferenze, Pacino leccò il viso di Brittany Elder. E fu in quel momento che lei capì che non era aggressivo e che doveva fare qualcosa per salvargli la vita. E così si prese la piena responsabilità del cane, che capì subito che poteva fidarsi di lei e del fidanzato.

cane salvato

La coppia sapeva poco del suo passato e ha dovuto insegnargli tutto. Camminare al guinzaglio, mangiare, giocare… Più tempo stava nella nuova casa, più Pacino cominciava a mostrarsi per il cane che era: dolce e adorabile. Le sue ferite divennero cicatrice e anche le ferite emotive pian piano cominciarono a guarire.

Pacino a casa

Ormai loro erano la sua famiglia: Pacino è stato con loro negli ultimi cinque anni, i più belli della sua vita.

cane

Tutti abbiamo bisogno di una seconda possibilità!