Il doberman che non doveva mangiare

Doberman lasciato in completo abbandono

Home > Animali > Il doberman che non doveva mangiare

Erano da sempre persone ambigue, con il passare degli anni non avevano mai interagito con i vicini, neanche uno ciao, a volte, in rari casi avevano detto buongiorno. Avevano da sempre un cane meticcio taglia piccola. Lo si vedeva poco in giro, ma davanti al loro giardino usciva a fare i bisogni. Con il passare degli anni lo hanno visto invecchiare, le sue uscite divenivano sempre più sporadiche ma, forse per fargli compagnia, la strana coppia prese un altro cane, uno di razza questa volta, un Dobermann.

Sarà un vicino di casa, incuriosito dall’assenza dei due cani per troppi, troppi giorni a portare alla luce la devastante verità. Ha aspettato che i due uscissero, l’uomo non rincasava mai prima delle 18, la donna invece era a casa per le 14, c’era tutto il tempo per guardare dove fossero finiti i due cani. La finestra era ovviamente chiusa, erano molto furbi i due.

La donna guardò dal vetro, bastò battere la mano per attirare la loro attenzione per far si che si avvicinassero. I due cani avevano bisogno di aiuto immediato. Arrivò la Polizia dopo circa mezz’ora, insieme arrivò la protezione animali e aspettarono l’arrivo della signora. “La chiamata in realtà diceva di un cagnolino e un Dobermann ma io non vidi nessun Dobermann!” Queste le parole dell’agente intervenuto, il cane era irriconoscibile.

La donna aprì la porta e tutto venne alla luce. Il cane pelle e ossa si reggeva a stento, pesava appena 16 chili a confronto dei 40 che doveva fare. Il nonnino respirava male.

Era stata una punizione a ridurlo così, non gli davano cibo da settimane perché aveva “mangiato” la poltrona. Entrambi ricoverati vennero dichiarati gravi e quindi sequestrati ai proprietari. Il dobermann verrà successivamente adottato da uno degli agenti intervenuti, il nonnino invece lo ha accolto una signora anziana ma molto molto arzilla.

“Le nostre passeggiate al parco, il supermercato e il thè con le amiche sono ormai la nostra quotidianità!” Le parole della signora…