Il gattino era programmato per essere soppresso perché era “troppo selvaggio”

Rudy, un gattino di 9 settimane, è finito sulla lista di animali da sopprimere in un rifugio locale. Era etichettato come “troppo selvaggio”, perché aveva paura e si nascondeva nella parte posteriore della sua gabbia. Questo povero gattino spaventato era troppo giovane per morire e aveva solo bisogno di qualcuno disposto a dargli una possibilità.


Sam Peterson, un volontario di Friends for Life Rescue Network, si è precipitato nel rifugio per salvare Rudy, prima che fosse troppo tardi. Rudy era terrorizzato e stava nascosto nella parte posteriore della sua gabbia. Anche se aveva paura, però, non ha mai attaccato il suo salvatore. Una volta che Peterson fu abbastanza vicino, notò che il minuscolo gattino era coperto di pulci. Dopo solo un’ora di interazione con la gente, Rudy iniziò a fare le fusa e non si fermò più. “Non riusciva a smettere di fare le fusa… continuava fino al punto in cui rimaneva senza fiato”, ha detto a Love Meow Jaqueline DeAmor, co-fondatrice di Friends For Life Rescue Network. Rudy andò a casa con Peterson e, con l’aiuto della sua ragazza, rimossero le innumerevoli pulci dal suo fragile corpo. Il gattino era pelle e ossa. Offrirono cibo a Rudy e lui lo inghiottì rapidamente…

Alla fine il piccoletto si sentiva al sicuro e mostrava il suo apprezzamento facendo le fusa.

La coppia si innamorò all’istante di Rudy e lo adottò. Dopo sette mesi ecco Rudy che segue i suoi genitori per tutta la casa. Ogni mattina, “dolcemente” li sveglia camminando sulle loro teste.

“Ogni mattina, arriva di corsa, facendo le fusa pazzamente con questo sguardo sul suo volto. Salta sul letto appena facciamo il minimo movimento perché sa che stiamo finalmente per alzarci.”

Il gattino, un tempo fragile e “selvaggio”, si è trasformato in un bellissimo gatto color zenzero amichevole e amorevole che ha molto da dire e da regalare.

Grazie per averlo salvato!