Il gatto miracoloso nato con due facce è morto

La famiglia del gatto miracoloso nato con due facce in Ontario ha annunciato che, purtroppo, il felino è venuto a mancare.

Home > Animali > Il gatto miracoloso nato con due facce è morto

Una famiglia londinese ha festeggiato la vita breve ma memorabile di un gatto miracoloso nato nel fine settimana con due facce. Jodi Waite ha raccontato la storia di Miracle, un gattino nato insieme a sette fratelli e sorelle, dalla mamma Nala, la gatta di un anno della famiglia. Un gatto davvero molto particolare, che però, purtroppo, non ha vissuto molto a lungo.

Miracle

La sua mamma bipede ha raccontato: “Quando è uscito per la prima volta, mia figlia mi stava aiutando con il parto. Lui è uscito e lei ha detto: Oh mamma mia, questo ha due teste”. All’inizio pensava fosse un gruppo di gemelli, ma poi quando il sacco si è aperto tutti si sono resi conto che il micio aveva realmente due facce. “Era un miracolo ed è così che mia figlia ha deciso di chiamarlo”.

La donna ha detto che Miracle è andato subito d’accordo con la mamma e i fratellini e veniva trattato come gli altri micini. Poiché aveva il diprosopus, noto anche come duplicazione craniofacciale, il micio aveva difficoltà a nutrirsi da solo. E quindi doveva essere alimentato artificialmente. Non appena finito di mangiare, il gattino veniva rimesso accanto alla mamma. Che se lo coccolava subito con tenerezza e tanto amore.

gatta

Waite ha parlato con diversi veterinari locali e le è stato detto di continuare a dar da mangiare artificialmente al micio e a dargli amore e attenzione. E così hanno fatto in casa.

gattini

Miracle, purtroppo, è morto mercoledì scorso, a soli tre giorni di vita. “Stava bene quando gli abbiamo dato da mangiare, ma è morto poco dopo, nel giro di un paio di minuti”.

piccolo-gattino

Chi nasce solitamente con questo problema non ha una vita lunga, perché il raro disordine congenito porta con se complicazioni davvero importanti. La donna ha detto che i fratelli di Miracle sono stati tutti adottati e quando saranno sufficientemente grandi potranno andare nelle loro nuove case.