Il povero cucciolo riusciva a malapena a guardare i suoi soccorritori per la paura

Non si sa come questo cucciolo è finito in strada. Probabilmente è stato abbandonato… o forse è nato per strada. Quello che sappiamo è che ha scelto di vivere in una zona residenziale: voleva solo un posto tranquillo dove nascondersi e dove nessuno lo avrebbe infastidito.



ACQUISTA TAPPETINO FRESCO

Alcuni residenti del quartiere hanno notato che il cagnolino correva per le strade e temevano che potesse essere investito da un’auto, così hanno chiamato Hope for Paws. Le volontarie Lisa Arturo e JoAnn Wiltz hanno ricevuto la chiamata e sono andate nel quartiere in cui era stato individuato Han Solo. Quando arrivarono, lo trovarono raggomitolato nel cortile di un residente e hanno rapidamente recintato l’area circostante in modo che non potesse scappare. Una volta che l’area fu messa al sicuro, le due donne si avvicinarono lentamente al piccolo cane nervoso, che era rannicchiato in un angolo vicino a un tubo. Il povero cane era così spaventato che guardava a malapena i suoi soccorritori… Le due donne parlarono sottovoce a Han Solo (così lo avevano chiamato), cercando di ottenere la sua fiducia e facendogli capire che non erano lì per ferirlo. Gli mostrarono il guinzaglio che volevano avvolgere intorno al suo collo e lasciarono che si abituasse per un po’, prima di farglielo scivolare delicatamente attorno al collo.

Una volta che il guinzaglio fu messo al collo del cane, tutto quello che poteva fare Solo era fissare i suoi soccorritori, poiché pensava ancora che erano lì per fargli del male.

Dopo aver vissuto per le strade per così tanto tempo, il cagnolino era chiaramente molto diffidente nei confronti degli umani ma i suoi soccorritori speravano che sarebbe cambiato con il tempo.

“Era stressato e non sapeva che eravamo lì per aiutarlo”, Eldad Hagar, fondatore di Hope for Paws, ha scritto in un video sul salvataggio.

Arturo afferrò una soffice coperta e cominciò a carezzare delicatamente Solo con essa, sperando che ciò avrebbe aiutato a calmarlo un po’.

Dopo un po’, lentamente, mise la coperta attorno a Solo e la usò per sollevarlo con cura. Una volta che fu al sicuro tra le sue braccia, Solo sembrò rilassarsi leggermente e lei lo riportò alla macchina.

I soccorritori hanno scannerizzato Solo per un microchip e non ne hanno trovato nulla, quindi è stato accolto da PAL Rescue e collocato in una famiglia adottiva.

Una volta che fu sistemato nella sua casa adottiva, la vera personalità di Solo cominciò a brillare e, improvvisamente, divenne il più dolce e amichevole cagnolino.

Ora ama le persone e non ha più paura di loro.