Il rapimento delle tartarughe irradiate

Home > Animali > Il rapimento delle tartarughe irradiate

Soary è il capo regionale di dell’agenzia ambientale in Madagascar. Un giorno ha sentito un odore davvero terribile arrivare da un edificio abbandonato a Toliara. Così si è messa in contatto con la polizia ed i suoi colleghi per capire cosa ci fosse li dentro. Ma non erano assolutamente preparati a vedere una scena del genere.

Quando la polizia ha raggiunto Soary, hanno aperto la porta con la forza, ma quello che c’era era davvero terribile. Hanno trovato migliaia di tartarughe irradiate, una specie molto rara in via d’estinzione, che coprivano l’intero pavimento ed erano attaccate l’una all’altra. La puzza terribile, derivava dall’urina e dalle feci di tutti questi animali. Soary, insieme ai suoi colleghi ha controllato in tutta la casa e le hanno perfino contate. Ne erano 8188. Il problema è che 180 erano morte. Però, a quel punto hanno capito che dovevano fare qualcosa, non potevano lasciarle li. Così, con dei camion, i soccorritori hanno fatto diversi viaggi dalla casa al Turtle Village. Sono stati costretti a lavorare fino alle prime ore del mattino. Il veterinario della clinica, dopo una settimana, era distrutto quando più di 574 tartarughe sono morte per le condizioni in cui sono state costrette a vivere. Erano tutte disidratate e con delle infezioni. Dopo averle salvate, la polizia ha trovato i colpevoli di tutto questo. Erano due uomini ed una donna, che erano i proprietari dell’edificio. Sono riusciti a rapire questi poveri animali, perché poi volevano esportarle in Europa e guadagnare molti soldi.

Infatti sono stati tutti arrestati, perché secondo una legge, queste tartarughe così rare non possono essere esportate essendo molto rare ed in via d’estinzione.

Infatti questa specie di tartarughe nel 2013 erano sei milioni, ora ne sono solamente tre.

Questi animali, per ora sono ancora ricoverate nella clinica e sono sotto cure mediche. Speriamo solo che si riprendono molto in fretta.

Condividete questo salvataggio!