Il rifugio era chiuso, così ha ben pensato di legarla alla panchina

Home > Animali > Il rifugio era chiuso, così ha ben pensato di legarla alla panchina

Siamo in pieno inverno e fa freddissimo. La gente esce di meno, perché preferisce starsene alla casa, davanti al camino, alla stufa, ad un termosifone… e insieme a loro, le persone, tengono al caldo, se hanno la possibilità, anche i loro amici a quattro zampe. Ma come sempre, esistono persone che devono distinguersi dalla massa, proprio come la donna protagonista di questa storia.

Un piccolo mix chihuahua, è stato trovato in condizioni tristi, mentre congelava, con le basse temperature, legato ad una vecchia panchina, fuori ad un rifugio per animali bisognosi, al nord est della città di Salem, nel Massachusetts ( Stati Uniti). Le telecamere hanno colto il suo “umano” (parola assolutamente inadeguata e troppo gentile), vestito in tuta mimetica, mentre cercava di aprire le porte della struttura, alle 8:00 del mattino. Ma l’orario di apertura del rifugio era alle 10:00. Dopo averci provato più volte, lei e l’uomo che l’accompagnava, hanno deciso di legarlo alla panchina. E poi, da codardi quali sono, se la sono svignata senza nemmeno un senso di colpa. Lo hanno abbandonato senza voltarsi indietro, nemmeno una volta. Quando i volontari lo hanno trovato, il povero cane tremava per il freddo. Lo hanno preso e portato subito all’interno. Lo hanno scaldato e poi rifocillato. I volontari, rimasti inorriditi, dopo aver visto le immagini catturate dalle telecamere di sorveglianza e increduli dinanzi un simile abbandono, hanno deciso di scrivere un post sulla pagina Facebook ufficiale del rifugio. Il post è stato condiviso così tante volte, che è diventato virale nel giro di pochi giorni. Ecco cosa i ragazzi hanno scritto:

“Chiunque tu sia, hai lasciato il tuo cane legato a una panca esterna al nostro rifugio stamattina. Volevamo informarti che è stato trovato 45 minuti dopo.

L’hai lasciata a congelarsi al freddo. E’ una femmina di circa 5 anni.

Forse non conosciamo il tuo nome, ne quello che ha passato, ne perché non hai aspettato un’altra ora in più, invece di lasciarla legato alla panchina, ma almeno adesso ha mangiato un pasto caldo e sta dormendo su una soffice coperta.

Non ti stiamo giudicando, non ti conosciamo e quindi non sappiamo perché tu l’abbia fatto ne se sia stata costretta. Una sola cosa vogliamo dirti… 

Qui sarà al sicuro, finché non troverà una nuova casa con qualcuno che la amerà per sempre. Il suo nome è adesso è Icelyn.”