Il salvataggio del leopardo Voodoo

Voodoo è stato salvato da una vita costretta ed è così che ringrazia i volontari

Home > Animali > Il salvataggio del leopardo Voodoo

Secondo voi qual è la principale causa dell’estinzione dei nostri amici animali? Sapete quanti animali selvatici vengono abusati e cacciati ogni giorno? C’è chi lotta per evitare che ciò accade, ma purtroppo riescono solo a vincere piccole battaglie e non la guerra. Oggi vogliamo raccontarvi di Voodoo, il leopardo africano che vedete nell’immagine di seguito.

Voodoo è stato salvato dai volontari del Cedar Cove Tiger Park, un santuario, il cui compito è proprio quello di proteggere gli animali selvatici. Questo leopardo ha trascorso la maggior parte della sua vita, costretto in una gabbia, mentre degli orribili mostri lo usavano soltanto a scopo di lucro. Un animale come Voodoo, dovrebbe vivere libero nel suo habitat naturale! La sua vita terribile, lo ha portato a diventare menomato e depresso. Fortunatamente, i volontari, attraverso fonti anonime, sono venuti a conoscenza della sua situazione e sono riusciti ad intervenire. Hanno salvato Voodoo e lo hanno portato nel loro santuario, dove potrà riprendersi, correre libero in quell’enorme spazio e smetterla di vivere nella paura e nel dolore. Quando poi sarà considerato pronto, questi angeli provvederanno a reinserirlo, poco per volta, nel suo habitat naturale. Il video che vi mostriamo di seguito, è stato caricato sui social network dagli operatori del Cedar Cove Tiger Park e ci mostra il momento in cui è stato salvato. Voodoo si trova in una gabbia e uno dei volontari ha trovato il coraggio di mettere la mano tra le grate e di accarezzarlo. E la cosa più incredibile sapete qual è stata? L’enorme gattone ha iniziato a fare le fusa!

Guardate:

Non è incredibile? Come fa la gente a continuare a dire che gli animali non hanno sentimenti?

Grazie a tutti coloro che lo hanno salvato! Buona vita Voodoo!

Se vi è piaciuto questo salvataggio, leggete anche: Cacciatori si sfogano su cinque leoni, ma il peggio di loro è stato fatto al povero Mufasa