Il salvataggio di Cloud

Home > Animali > Il salvataggio di Cloud

A febbraio scorso una squadra di soccorso è stata chiamata su una proprietà a New Philadelphia, in Pennsylvania, dopo che il tetto di una casa abbandonata era crollato. La casa era disabitata e i soccorritori non si aspettavano di trovare nessun animale nelle vicinanze. Ma mentre erano lì, i lavoratori sentirono dei rumori provenienti da una macchina abbandonata e notarono un vecchio husky legato a una catena pesante.

Il cane era Cloud, un husky di 15 anni che aveva passato tutta la sua vita in questo modo: legata alla catena. In Pennsylvania, è illegale tenere un cane incatenato fuori per più di nove ore al giorno, grazie a un nuovo regolamento sul benessere degli animali chiamato Free’s Law, che è entrato in vigore lo scorso anno. E se fuori si gela, un cane può essere incatenato fuori solo per un massimo di 30 minuti. In più, se per determinate ragioni si rende necessario tenere legato a catena un animale per brevi periodi di tempo, questo non può avvenire in un’area coperta di rifiuti. I proprietari di Cloud avevano, dunque, infranto un sacco di leggi. Fuori si stava gelando e il terreno era coperto di neve e disseminato con gli escrementi del cane. Il povero animale aveva trovato rifugio sotto il tettuccio di una vecchia macchina abbandonata.  La parte peggiore era che il cane, il cui nome era Cloud, era tenuto incatenato per tutto il tempo. In effetti, aveva passato tutta la sua vita legato a quella catena. I soccorritori di Hillside SPCA, un’organizzazione per la protezione degli animali, arrivarono il più velocemente possibile. Quando hanno spiegato ai proprietari che stavano violando la legge, i proprietari non hanno esitato a consegnare Cloud a loro. “Quando abbiamo incontrato Cloud eravamo in stato di shock a causa delle sue condizioni”, ha detto Tricia Moyer, assistant shelter manager presso Hillside SPCA. “Era un rottame triste e sofferente. La sua pelliccia era sporca e arruffata.

Aveva una grande massa nella parte posteriore ed era molto magro. ”

La squadra di soccorso ha portato Cloud al rifugio, dove un veterinario lo ha esaminato.

La massa sul posteriore si è rivelata un tumore ma in base alla sua età, il veterinario non era sicuro di poterlo operare.

Hanno anche scoperto che Cloud era sordo.

 

All’inizio, Cloud non stava vivendo bene nel rifugio: camminava, crollava e si addormentava, poi si svegliava e ricominciava a camminare. Moyer si mise in contatto con Eleanor Garrett, il co-presidente di Senior Dog Haven e Hospice, per vedere se poteva aiutarlo.

“Moyer era piuttosto arrabbiata”, ha detto Garrett. “Vede giornalmente cani in tutti i tipi di condizioni, ma aveva notato che quel cane non si comportava come un cane…”

Garrett accettò di prendere Cloud ma portarlo a casa sua non ha risolto nulla.

“Non la smetteva di camminare, non la smetteva di muoversi”, disse Garrett. “L’ho tenuto a casa mia e stava rovinando tutto. Si imbatteva nelle cose e ho pensato, ‘Oh no. Questo caso sarà difficile. ‘”

Cloud ha fatto tutto il possibile per evitare il contatto con Garrett e i suoi tre figli piccoli. Si è nascosto nella lavanderia.

Invece di costringere Cloud a uscire, Garrett lo ha lasciato da solo per un po’ e questo ha risolto la vicenda.

“Ero nella mia lavanderia a prendere qualcosa, e all’improvviso ho sentito questo piccolo colpo di zampa sul mio piede”, ha detto Garrett. “Ho guardato in basso e c’era Cloud che mi stavo toccando per cercare di dirmi di sedermi e accarezzarlo. Così mi sono seduto e ho iniziato a coccolarlo, e lui ha iniziato a darmi baci, e ogni volta che mi fermavo, mi toccava di nuovo con la zampa “.

Questo ha cambiato tutto tra Cloud e Garrett, e Cloud è diventato un cane più amichevole e rilassato. “Ogni giorno da quel punto, sto migliorando sempre di più.”

E così che Cloud sta migliorando sempre di più… buona vita Cloud!