Il salvataggio di Leo

Trovato in una fogna, in fin di vita

Home > Animali > Il salvataggio di Leo

Immaginate come debba essere brutta la vita di un cane randagio. Lottare ogni giorno per un po’ di cibo ed essere costantemente circondato dai pericoli. Molti di loro non ce la fanno, muoiono di fame, di freddo, vengono investiti, si ammalano… qualcuno fortunatamente viene raccolto, curato e salvato, grazie a delle persone dal cuore d’oro. Si, per fortuna c’è ancora un po’ di bontà nell’animo umano…

Gli angeli questa volta, sono i volontari dell’associazione Animal Aid. Non è la prima volta che vi parliamo di loro, grazie ai numerosi salvataggi che fanno ogni anno. Una telefonata li ha avvertiti di un cane in fin di vita, intrappolato in una fogna. Un passante aveva udito le sue lontane grida di dolore e non sapendo come aiutare il povero cane, aveva deciso di contattare questi ragazzi. Naturalmente, come sempre, si sono precipitati sul posto per verificare la situazione dell’animale. Hanno dovuto sollevare una grande lastra di cemento che copriva il canale. Il cane era completamente debole e con il muso affondato nel fondo dell’acqua, stava esalando i suoi ultimi respiri. “Lo abbiamo sollevato con molta attenzione, ma abbiamo presto scoperto che aveva gravi problemi neurologici, probabilmente a causa di un colpo alla testa”, ha raccontato uno dei volontari. Quando i ragazzi lo presero in braccio, il cane smise di piangere e si affidò completamente a loro. Non li conosceva, ma non aveva alternative, sapeva che il prossimo passo sarebbe stato la morte. Una volta raggiunto il loro mezzo attrezzato, questi angeli lo hanno subito sottoposto alle cure di cui aveva bisogno e sono riusciti a stabilizzarlo. Il cucciolo per la prima volta nella sua vita, riuscì a rilassarsi e dormire.

Dopo più di 24 ore di sonno, si è finalmente svegliato ed ha potuto assaggiare il suo primo pasto, ma era ancora così debole che aveva bisogno di aiuto per sedersi.

Grazie all’amore dei volontari, il settimo giorno di cure, il cane riuscì ad alzarsi in piedi.

Il suo video, con oltre 17 milioni di riproduzioni, ha suscitato grande emozione. È impossibile trattenere le lacrime!

Oggi Leo, questo il suo nome, sta bene, si sta riprendendo e quando sarà considerato pronto, sarà affidato a una famiglia amorevole!

GRAZIE RAGAZZI!