Il salvataggio di un castoro che non era un castoro

Si sa che non c’è niente di più bello come una passeggiata nella natura per lenire lo spirito e alleviare la mente stanca. A volte una breve passeggiata nei boschi con i cani al tuo fianco può fare un mondo di bene al corpo e allo spirito. Quando Jim Passmore, un uomo dell’Oklahoma ha deciso di portare i suoi cani a fare una passeggiata lungo Haikey Creek vicino alla città di Broken Arrow, si aspettava solo una bella gita rigenerante.

Ma ha trovato molto di più di una gita… Le cose procedevano senza intoppi finché non vide qualcosa che sembrava un castoro che fluttuava debolmente nel letto del torrente. Alcune persone avrebbero continuato a camminare. Dopo tutto, era stata una bella giornata, i suoi cani erano felici e si stavano divertendo e un castoro sa badare a se stesso… e poi, chi mai ha visto un castoro che sta per annegare? Ma qualcosa ha spinto Jim a fermarsi e vedere se quel castoro o qualche altro animale avesse bisogno di aiuto. E ha fatto la cosa giusta. Nel fango non era un castoro ma un cane… Jim non perse tempo a chiedere aiuto alle autorità quando si rese conto di quanto fosse seria la situazione. Il cane era completamente bloccato nel fango e aveva perso ormai tutte le sue forze; se avesse ceduto alla sua stanchezza, molto probabilmente sarebbe affogato! La polizia arrivò dopo pochi minuti e presto una folla di osservatori circondò la scena. I soccorritori arrivarono poco dopo e rapidamente si misero al lavoro. Non era sicuramente il tipico salvataggio di animali. Non solo il cane era davvero bloccato nel fango, ma era anche in sovrappeso! Il cane era così stanco e spaventato che cercava di mordere chiunque si avvicinasse. Non capiva che quelle persone erano lì per aiutarlo. Sapeva solo che stava soffrendo e non poteva muoversi e non voleva che nessuno lo toccasse, il che era comprensibile. Alla fine, pensarono di avvolgere una maglietta attorno alla testa del cane in modo che non potesse mordere i soccorritori e il buio potesse calmarlo. Un soccorritore ha poi legato una corda attorno al cane e ha consegnato l’estremità della corda all’ufficiale di polizia. L’ufficiale ha dato alla corda un leggero strattone, e… non è successo nulla. Quel cane era inglobato letteralmente nel fango!

ACQUISTA TAPPETINO FRESCO


Alla fine, con il soccorritore che spingeva e l’ufficiale che tirava, il cane fu estratto dal fango come un tappo da una bottiglia. L’ufficiale ha usato la corda per trascinare il cane sulla terraferma.

Il cane esausto è rimasto immobile. Era troppo terrificato ed esausto per muoversi.

Ma i suoi problemi non erano ancora finiti!

Un rapido esame del veterinario non ha riscontrato ferite gravi ma l’ufficiale ritiene che il cane sia stato investito da un’auto, dopo di che sia caduto giù per la collina e che sia finito nel fango.

Il suo peso avrebbe peggiorato le cose, facendolo affondare nel fango.

Hanno rapidamente avvolto il cane in coperte e lo hanno fatto asciugare e riscaldare.

Lo soprannominarono Teddy Bear per via del suo aspetto rotondo e vaporoso.Ma il suo comportamento era tutt’altro che tenero e carino. In effetti, era riuscito a mordere uno dei soccorritori prima che si rendesse conto che stavano cercando di aiutarlo. Fu quindi portato da un veterinario che lo controllò a fondo. Ai soccorritori fu detto che il cane aveva circa otto anni e, come avevano già capito, era seriamente obeso.

Ovviamente era ben nutrito, quindi speravano che qualcuno si sarebbe fatto avanti per reclamarlo. Ma nessuno l’ha fatto … Alla fine dovettero prendere una decisione sul destino di Teddy. Se fosse andato al rifugio della Freccia Spezzata, alla fine sarebbe quasi sicuramente stato soppresso.

Il loro rifugio, come molti in tutto il paese, era pieno fino all’orlo ei cani dovevano essere sottoposti ad eutanasia quasi ogni giorno per fare spazio ai prossimi che sarebbero arrivati. Povero Teddy non meritava quel destino dopo tutto quello che aveva passato! Fortunatamente per Teddy, l’Oklahoma Alliance for Animals è intervenuta e ha accettato di sponsorizzare le sue cure. Poiché Teddy aveva morso uno dei soccorritori, la legge locale ha detto che doveva essere messo in quarantena per un certo numero di giorni per assicurarsi che non avesse la rabbia.

Gli è stata somministrata una flebo per il dolore… Ben presto scoprirono che sotto l’aspetto rude in realtà si nascondeva solo un grande orsacchiotto!

Speriamo solo che lo mettano su una buona dieta … e che non decida di prendere altri bagni di fango!