Il salvataggio di una volpe artica

La storia che vi vogliamo raccontare riguarda una piccola volpe artica finita, suo malgrado, in una situazione di vita o di morte. La volpe adesso è al sicuro grazie all’aiuto di una squadra di pescatori di granchio. Alan Russell, Mallory Harrigan e il suo fidanzato Cliff Russell stavano pescando a William’s Harbour, Labrador, in Canada, quando videro un piccolo animale su un pezzo di ghiaccio galleggiante a circa 4 km al largo.


Quando si avvicinarono, non potevano credere ai loro occhi: era una volpe artica. Sapevano che la volpe non sarebbe sopravvissuta se non l’avessero aiutata. Non potevano raggiungere la volpe mentre era sul ghiaccio, perché era troppo instabile e lei comunque non si sarebbe fatta prendere. Harrigan racconta che hanno speronato l’iceberg (con la barca) per romperlo, facendo cadere la volpe in acqua.

L’hanno poi ripescata con l’aiuto delle reti. Harrigan ha detto a VOCM News che hanno messo la volpe in un contenitore per un po’ di tempo in modo che potesse tranquillizzarsi e hanno provato a darle da mangiare.

La volpe si è rianimata quando le hanno dato una scatola di salsicce viennesi.

Harrigan ha osservato, “La sua pelliccia dovrebbe essere marrone ormai, perché di solito cambia in quel periodo dell’anno ma era su quel pezzo di ghiaccio da così tanto tempo che non ha mai cambiato colore.”

I soccorritori hanno portato la volpe sulla terra ferma a William’s Harbour in una zona con “un sacco di piccoli animali” e stagni di acqua fresca, così da avere cibo e acqua per vivere.

L’hanno lasciata in una vecchia cuccia per cani e lei è scappata via.

Mallory ha scherzato sul fatto che “il vero eroe qui erano le salsicce di Vienna”. Ma molte persone non sono d’accordo.

Una persona ha commentato: “È così bello vedere che ci sono ancora persone compassionevoli e premurose nel mondo, molte grazie all’equipaggio di questa barca da pesca!”