Il seggiolino di Tink

Al giorno d’oggi, è abbastanza normale trovare cuccioli che indossano abiti, pantaloni, camicie, scarpe e persino pannolini. Certamente, ci sono quelli che amano curare e curare i loro animali domestici nello stesso modo in cui i genitori fanno con i loro bambini. Ma spesso, per troppo amore, si arriva a snaturare l’animale, trasformandolo in un bambolotto.

Tuttavia, per Tink, un cucciolo di labrador, questa è molto più una questione di vita o di morte rispetto a una semplice moda. A causa di una condizione molto strana chiamata megaesofago totale congenito idiopatico, Tink è costretta a mangiare in un seggiolino simile a quello per bambini, costruito appositamente per lei. La ragione per cui Tink deve mangiare su due gambe e non su 4 è che “non v’è alcuna connessione tra la gola e cellule nervose del cervello,” dice Tom Sullivan, il proprietario. In altre parole: questo cucciolo di 1 anno non ha la capacità di ingoiare perché non riesce a contrarre i muscoli della gola. All’inizio, quando Tom e sua moglie hanno adottato Tink, tutto sembrava perfettamente a posto. La cucciola è arrivata a casa con poche settimane di vita e la coppia si è innamorata di lei dalla prima volta che l’hanno vista. Tuttavia, hanno presto notato che stava accadendo qualcosa di strano. “Quando avevo 9 settimane, mio ​​fratello ci ha fatto il favore di prendersi cura di Tink. Quando tornò a casa, abbiamo notato che c’era qualcosa che non andava con lei” spiega Tom.

COMPRA QUI PETFOUNTAIN!

“Mio zio è un veterinario ed è stato lui a dirci che Tink non aveva una buona prognosi.

Così, dopo 4 giorni di pianto, la coppia ha concluso che avrebbero fatto tutto ciò chepotevano per mantenere in vita e in buona salute Tink, anche se questo significava comprare una sedia speciale in cui poteva mangiare in piedi, alimentarla 5 volte al giorno, farle espellere il gas come a un neonato e spendere centinaia di dollari al mese con le medicine.

“Si presume che l’esofago deve succhiare il cibo dalla peristalsi, con una serie di contrazioni che permettono al cibo di raggiunge il tratto digestivo. Ma Tink non può farlo, quando mangia o beve acqua, tutto si blocca nell’esofago “, spiega Tom.

Di conseguenza, il corpo di Tink rifiuta tutto ciò che ingerisce; vale a dire che il fatto di non mangiare sulla sua sedia speciale, che permette alla gravità di fare il lavoro dell’esofago equivale  a farla rigurgitare ciò che mangia o beve.

Ma Tom e la moglie fanno tutto ciò che occorre per farla stare bene.