Il toro con le zampe rotte

Il toro con le zampe rotte prova a trascinarsi accanto a i suoi simili. Terribile quello che gli è successo ma ancora peggio è quello che gli sta per succedere.

Il toro con le zampe rotte che si trascina cercando di raggiungere i suoi simili ha fatto il giro del mondo: sono immagini dolorose che fanno male ma sono reali e devono spingerci ad una riflessione: perché continuiamo a fare del male agli animali? Cosa c’è di divertente in tutto questo? Ma prima di cominciare a spiegarvi cos’è successo, ecco il video incriminato…


Il video è stato girato in un villaggio conosciuto come Mejorada del Campo. Comincia con il toro che viene mostrato in quella che chiamano una gabbia di trasporto, prima che il festival iniziasse. Il toro fa un tentativo di fuggire dalla gabbia, saltando a terra. Ma il salto gli spezza le zampe. Nel video si vede l’animale gravemente ferito trascinandosi sulle zampe anteriori, cercando di far fronte alla situazione. Secondo i media locali citati da un altro articolo, “sembra che la rampa fosse troppo rialzata da terra per consentire al toro di scendere in sicurezza”. Al momento, non è noto se qualcuno verrà indagato sull’incidente o quale sia stato l’esito per il toro, anche se è altamente probabile che l’animale sarà stato sottoposto a eutanasia.

pamplona-tori

La PACMA ha ora riferito l’incidente alle autorità come un caso di abuso di animali e ha chiesto agli utenti dei social media di firmare una petizione che richieda un cambiamento delle leggi sulla protezione degli animali in Spagna.

pamplona-toro

Il video postato sui social ha accumulato centinaia di migliaia di visualizzazioni e commenti. Non sappiamo se la vita di questi animali cambierà in futuro ma ce lo auguriamo con tutto il cuore. In Spagna ci sono ancora le corride, anche se si svolgono solo in alcune città… e i tori vengono uccisi senza pietà con la scusa del divertimento. Quanto ancora permetteremo che questo accada?

elefante-circo

E non dobbiamo puntare il dito contro la Spagna perché anche in Italia non siamo da meno. Basta ricordarvi quello che accade nei vari circhi dove gli animali vivono prigionieri per far divertire i bambini… Per non parlare poi del Palio di Siena dove perdono la vita, ogni anno, tantissimi cavalli.