Ivor

Ti capita che un cane venga restituito dopo qualche giorno, purtroppo si adotta quasi sempre per far del bene ma non sempre si è consapevoli del gesto che si va a compiere e sopratutto dell’impegno che si porta a casa. La cosa insolita era che ben cinque famiglie avevano rifiutato i povero Ivor, lo prendevano e pochi giorni dopo lo restituivano

chi con modo, chi con sgarbo ma la sostanza era quella”Non capisce niente, non da retta, non ne vuole sapere di noi!” Certo in canile ci sono molti cani, le volontarie sono sempre meno e non sempre si riesce a comprendere la vera essenza del carattere e delle qualità di un cane ma Ivor, lui destava un po di curiosità. Elly rimane un po affascinata dal cagnolino, entra nel suo box e lui salta addosso per rubare un po di carezze, lei grida batte le mani per attirare la sua attenzione…Ivor non la fila per nulla. Ivor è sordo, non è stupido, è solo sordo come una campana, Elly si rese conto da quel gesto del suo problema e da quel momento la ricerca di una casa per lui fu indirizzata verso un punto ben preciso. Chi meglio di una persona che vive con chi ha lo stesso problema suo? Ivor è stato adottato, la nuova mamma dice di lui che è  moto intelligente e capisce al volo le cose, certo lui non sente ma i comandi sono gesti, come si fa con gli umani non udenti. La sua vita è normae e bellissima, la sua è una vita bella e piacevole oggi. Non sappiamo se dare la colpa e a chi per il tempo perso ma è anche vero che in cinque famiglie nessuno si è accorto di nulla, hanno fatto prima a rifiutare il cane che a trovare il problema, ma questa è una storia di tutti i giorni…Ivor forse è troppo speciale per quelle persone, a noi piace sempre pensare questo, quando un cane viene restituito è perché la famiglia è troppo povera misera e inutile, si siamo buoni lo sappiamo, di solito vengono usate parole diverse…

Ciao Ivor, buona vita

da tutti noi

anche se tardi hai trovato la persona giusta