James e Loy, un amore troppo grande

James è un bimbo che soffre di epilessia, il suo essere così piccolo con un problema così grande ha portato i medici a consigliare alla famiglia di accostare un cane al bambino. La naturale dolcezza, la richiesta di coccole, le attenzioni, portano il bambino a fare cose che lo distraggono da quel continuo fardello che pesa su di se



Il piccolo si sente male, il cane è vicino a lui, ha cercati di allertare i genitori ma, per una volta, erano distratti per cogliere l’attimo. Arriva l’ambulanza, James viene portato via in emergenza totale. I genitori vanno con lui, tutti presi dal bambini, dimenticano Loy. Giunti in ospedale la mamma chiama la vicina, per chiedere di aprire il cancello di casa al cane ma la donna la informa che il cane non c’è lì davanti. Avvertono che Jemes necessiterà di una TAC, mentre il bimbo è dentro per l’esame la donna sia affaccia e vede Loy dalla finestra. Il cane era seduto davanti l’ingresso del pronto soccorso, guardava a destra e poi a sinistra, sappiamo noi chi stava cercando, la gente si avvicina, qualcuno lo scaccia. Il papà scende di corsa, abbraccia Loy “Andiamo piccolo, James ti sta aspettando!”Ha dovuto anche spiegare alla guardia che il cane era un supporto regolare, un cane di servizio, quindi non aveva bisogno di permessi per entrare. Loy salta sulla barela di James, il bimbo, ancora semi cosciente, alza la manina per toccarlo. La convalescenza adesso sarà più leggere e veloce, ne siamo sicuri! “Loy è speciale, migliore amico per nostro figlio non potevamo trovare, non si schioda dal letto, è sicuramente più attento di me, su noi umani a volte vince la stanchezza e lo sconforto, per loro esiste solo l’amicizia!”

Un grande amico

guardateli che dolci

non conosco umano capace di amare come loro

In bocca al lupo James, sei in mani sicure, Loi veglierà su di te!